Prima Pagina | Salute e sanità | Scale mobili del San Donato: dal tre agosto i lavori di sostituzione integrale dell’impianto

Scale mobili del San Donato: dal tre agosto i lavori di sostituzione integrale dell’impianto

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Scale mobili del San Donato: dal tre agosto i lavori di sostituzione  integrale dell’impianto

Dopo 23 anni di servizio (con numerosi guasti negli ultimi anni) arriva un impianto di ultima generazione, con il risparmio energetico grazie al soft start. Spesa: 150.000 euro

  

Se c’è una cosa che l’Azienda intende fare apertamente è chiedere scusa per il disservizio che gli utenti hanno patito da troppo tempo per le problematiche alle scale mobili del San Donato. Va anche detto che ci sono in alternativa una coppia di ascensori che svolgono la stessa funzione. Ma questo non giustifica.

Le scale mobili del San Donato sono in funzione dal 1992. Ventitre anni di onorato servizio, ma anche una lunga attività che ne ha logorato, meglio sarebbe dire esaurito, parti importanti della struttura. La manutenzione ordinaria, e in alcuni casi anche straordinaria, è sempre stata eseguita. E questo ha consentito di garantire una efficienza ben oltre i normali anni di vita previsti per questi impianti. Quando la scala mobile fu inaugurata era la rampa più lunga d’Italia ad unico tratto con questa tecnologia.

Ma gli anni passano per tutti.

E non sempre, viste anche le risorse che le Aziende sanitarie hanno a disposizione, è possibile fare scelte importanti e risolutive per lungo tempo come quella che sta per andare in scena. Proprio la presenza di alternative con gli ascensori, hanno fatto negli anni scegliere soluzioni tampone, con il ricorso a manutenzioni che non fossero troppo onerose. Adesso è arrivato il momento di un cambio radicale. Da oltre un anno l’ufficio tecnico della Asl ha realizzato un progetto per la completa sostituzione delle scale mobili con impianti di ultima generazione, in grado di osservare le ultime norme in materia anche in termini di risparmio energetico.

 

Il tre di agosto aprirà il cantiere che nell’arco di 6 – 7 settimane porterà ad un impianto di due scale completamente nuove.

Dopo il progetto, come avviene sempre nelle pubbliche amministrazioni, si è dovuto procedere ad una gara, a dare i tempi necessari ai concorrenti per preparare le offerte, valutarle, decretare il vincitore ed assegnare  l’appalto. La sostituzione integrale delle scale mobili è stata quindi assegnata a metà aprile alla ThyssenKrupp per un valore di 150.000 euro. L’azienda ha predisposto i rilievi, la progettazione esecutiva, i materiali su misura e individuato la tempistica: la scelta di avviare i lavori la prima settimana di agosto è stata concordata con la Asl, prevedendo un periodo di minore afflusso di utenti. Anche perchè una parte della hall dell’ospedale diventerà cantiere, restringendo i corridoi di passaggio verso i reparti e gli uffici.

Le nuove scale avranno, fra le altre, anche la funzione di soft start, con l’impianto che si fermerà ogni qualvolta sui gradini non ci saranno degli utenti. Una formula che eviterà uno spreco di energia da una parte e anche una diminuzione dell’usura degli ingranaggi dall’altra.

Con questo lavoro, di natura straordinaria come la sostituzione completa dell’impianto, dovrebbero avere fine anche i guasti che negli ultimi anni hanno più volte sollevato e provocato il malumore di operatori e utenti.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0