Prima Pagina | Politica società diritti | Unione Comuni del Casentino: manca il numero legale, Giunta sulla riorganizzazione dell’Ente rinviata a lunedì

Unione Comuni del Casentino: manca il numero legale, Giunta sulla riorganizzazione dell’Ente rinviata a lunedì

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Unione Comuni del Casentino: manca il numero legale, Giunta sulla riorganizzazione dell’Ente rinviata a lunedì



Agostini commenta: “Se per i Sindaci PD il problema è il Presidente dell’Unione, che appartiene a Insieme per il Casentino, lo si dica chiaro e io mi dimetto subito; ma così continuano i privilegi e ci rimettono i lavoratori. Io infatti ho tolto quei privilegi per garantire i servizi ai cittadini e gli stipendi ai precari. A me non interessa mantenere la carica, voglio che i comuni e l’Unione possano dare i servizi a cui la gente ha diritto”. Quindi se i Sindaci PD pensano di fare meglio, io lascio tranquillamente il posto che, negli ultimi tempi, sembra così ambito”.
Tutto dunque è stato rinviato a lunedì. La Giunta dell’Unione dei Comuni, che avrebbe dovuto decretare la riorganizzazione del personale dell’Ente secondo il progetto scritto dopo il 2 luglio (quando vennero azzerate le posizioni organizzative), non ha potuto deliberare per mancanza del numero legale. Erano presenti solo i Sindaci di Castel Focognano, Ortignano Raggiolo e Montemignaio, oltre al presidente dell’Unione Paolo Agostini, Sindaco di Castel San Niccolò. Preso atto di ciò, lo stesso Agostini ha riconvocato la Giunta per le ore 14 del 20 luglio, precisando che “Faccio questo perché voglio dare un’altra possibilità ai sindaci per far lavorare i Comuni e l’Unione stessa, che devono dare ai cittadini i servizi fondamentali a cui hanno diritto”.
“Avevamo concordato 15 giorni fa un percorso – prosegue Agostini – condiviso con le parti politiche e quelle tecniche nell’Unione e nei Comuni; ci eravamo dati la scadenza odierna per approvare la riorganizzazione e per ridare le deleghe ai sindaci. Quest’ultima cosa, che compete a me, io l’ho fatta. Ma non si è potuti andare oltre, perché con solo 4 Sindaci la Giunta non può deliberare un progetto che – lo ricordo – garantisce ai precari la continuità del lavoro in questo Ente e consente un risparmio annuo all’Unione di oltre 250.000 euro, che vengono da tagli fatti solo agli stipendi più alti”.
Nei colloqui di queste ultime 2 settimane, fra l’altro, “Avevamo individuato tre referenti fra i dipendenti dell’Unione, per le aree dei servizi alla persona, area finanziaria e SUAP. Molti passaggi erano stati fatti per portare a termine il progetto”. Cosa ha portato alla situazione di blocco? “Diverse cose, a partire dalla decisione di Poppi di non partecipare più ai lavori della Giunta, un atteggiamento che è stato sottolineato nel documento che Massimiliano Mugnaini ha lasciato alla riunione odierna, nel quale evidenzia molte incoerenze da parte dei comuni più grandi; ma cerchiamo di andare oltre”.
Guardare avanti dunque, ma come?  “I Sindaci decidano cosa fare: o mi seguono e si prendono deleghe e responsabilità, oppure votino la sfiducia se pensano di fare qualcosa di meglio per il Casentino. Nascondersi non serve a nulla, se lunedì lo faranno sarò io a dimettermi e a far saltare tutto il processo di rinnovamento che ho iniziato nel mio Comune e nell’Unione. Ma la gente deve sapere che in questo modo rimarranno il “carrozzone” e tutti i privilegi, nell’Unione e nei comuni, mentre a rimetterci saranno solo le decine di lavoratori precari che mandano avanti l’Ente per pochi spiccioli”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0