Prima Pagina | Economia e lavoro | LA CHIANINA FA IMPAZZIRE I MILANESI AL TOSCANA FUORI EXPO

LA CHIANINA FA IMPAZZIRE I MILANESI AL TOSCANA FUORI EXPO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
LA CHIANINA FA IMPAZZIRE I MILANESI AL TOSCANA FUORI EXPO

File interminabili ieri (martedì 14 luglio) a Milano per degustare le creazioni dei macellai di Confcommercio all'inaugurazione dello spazio dedicato ad Arezzo

 



Successo straordinario per la Chianina a Milano. Ieri (martedì 14 luglio 2015) turisti, milanesi e visitatori hanno letteralmente preso d'assalto il Toscana Fuori Expo per l'inaugurazione del Salone che vedrà protagonista Arezzo e le sue eccellenze fino a domenica 19 luglio. 

Nei Chiostri dell’Umanitaria, a due passi dal Duomo, i macellai Confcommercio hanno monopolizzato l'attenzione dei visitatori puntando su prodotti tipici e qualità, mostrando la professionalità che li contraddistingue da anni.  

Il cooking show con le loro lavorazioni ha colto nel segno, con centinaia di persone che hanno seguito le preparazioni a base di carne dei maestri macellai. Carpacci, battuti, ricette per pronti a cuocere: tantissime le varianti in cucina proposte dal presidente Alberto Rossi e dai colleghi Alessandro Tognaccini, Luciano Sani e Dario Bonini, che oltre alla Chianina hanno portato in trasferta a Milano anche la porchetta della Valdichiana, la tarese del Valdarno e gli altri salumi tradizionali della nostra provincia.

Un grande lavoro di squadra che ha visto la Confcommercio ancora in prima linea nella promozione delle eccellenze del nostro territorio con una categoria di grande rilievo come i macellai. 

“Un ringraziamento speciale va alla Camera di Commercio e al Comune di Arezzo, che hanno reso possibile il progetto del Fuori Expo, contribuendo a promuovere l'immagine della categoria e soprattutto dei nostri prodotti tipici”, dichiara il presidente dei macellai aretini di Confcommercio Alberto Rossi, “per quanto ci riguarda, prendere il pubblico per la gola è quello che ci riesce meglio e anche questa volta abbiamo raggiunto l’obiettivo. Il nostro è un linguaggio semplice e immediato, che arriva subito. Del resto, scoprire un territorio attraverso i suoi sapori è un’esperienza sensoriale alla portata di tutti”. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0