Prima Pagina | Lo Sport | Aspettando Los Angeles: All Stars Arezzo alla Giostra del Saracino, ieri l'emozionante incontro con Papa Francesco

Aspettando Los Angeles: All Stars Arezzo alla Giostra del Saracino, ieri l'emozionante incontro con Papa Francesco

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Aspettando Los Angeles: All Stars Arezzo alla Giostra del Saracino,  ieri l'emozionante incontro con Papa Francesco

 

 

 

Dieci tra atleti speciali ed alcuni tecnici di All Stars sono presenti in tribuna A alla Giostra del Saracino grazie a Banca Etruria che ha donato ad alcune associazioni aretine tra cui All Stars Arezzo i biglietti d'ingresso. Tra questi sono presenti gli atleti Silvano Cimosi e Gianni Sacchet che parteciperanno insieme al partner Emanuele Verdelli ai Giochi Mondiali Special Olympics di Los Angeles che si terranno a luglio.

Gli atleti di All Stars che andranno a Los Angeles sono stati ricevuti ieri in udienza privata da Papa Francesco inseme a tutta la delegazione di 101 atleti della nazionale italiana di Special Olympics. Presente lo Staff Nazionale di Special Olympics Italia e Tim Shriver, Presidente di Special Olympics International e figlio della fondatrice di SO, Eunice Kennedy. Una giornata emozionante e piena di significati che ha lasciato un segno indelebile in tutti i presenti:

Le parole di Papa Francesco, riportate nel video di CTV

“Non dimenticare mai la bellezza: la bellezza della vita, la bellezza dello sport, quella bellezza che Dio ci ha dato. Lo sport è una strada molto adatta per questa scoperta, per aprirsi, per uscire dalle proprie chiusure e mettersi in gioco. Così si impara a partecipare, a superarsi, a fare fatica insieme. E tutto questo aiuta a diventare membri attivi della società e anche della Chiesa; e aiuta la società stessa e la Chiesa a superare ogni forma di discriminazione e di esclusione.”

“Non lasciatevi contagiare dalla falsa cultura sportiva, quella del successo economico , della vittoria ad ogni costo, dell'individualismo, bisogna difendere lo sport come esperienza di valori umani di competizione sì, ma nella lealtà e nella solidarietà. Nessuno si senta escluso dallo sport.”

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0