Prima Pagina | Lettere alla redazione | AFTER ELECTION DAY AREZZO HA SAN CIPRIANO IN GIANNI MORI, I DISCHI VOLANTI DEL GAMURRINI...

AFTER ELECTION DAY AREZZO HA SAN CIPRIANO IN GIANNI MORI, I DISCHI VOLANTI DEL GAMURRINI...

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
AFTER ELECTION DAY AREZZO HA SAN CIPRIANO IN GIANNI MORI, I DISCHI VOLANTI DEL GAMURRINI...

... E LA VENERE IN BOSCHI VESTALE NON DELLE RIFORME MA DELLE FORME PER IL BALLOTTAGGIO DI BRACCIALI!

 

Egregio Preside, come la devo chiamare d’ora in poi?, direttore mi sembra poco, la chiamerò don 35,87% , come appellativo mi sembra umile, d’altronde il nomen le si addice in quanto non modesto quanto l’homen, poichè  la percentuale era più alta una volta, parecchio torreggiante, ma ora incombe meno, come dire? , enuncerei senza tema di smentita che il  Bracciali s’è dovuto ritrarre, s'è tirato indietro dinanzi a chi? a cosa? All’astensionismo traboccante e al dilagante annullamento di voti, più di mille invalidati, da seggio a seggio, un po’ troppi, non trova anche lei Paulus Assessorius I?  E tuttavia sto qua non a intervistarla ma  guarnire notizie e non dovizie sul day after election day and  absentee ballot.

Egregio Paulus consiglierus , la chiamerò così, alla buona, saprà dal Gigi Alberti di Teletruria che il greco ormai ex candidato a sindaco, già organizzatore di campionati di calcetto in villa, non resistette un nano secondo in più alla debacle prima di ridiventare un italico San Cipriano patrono della libertà di coscienza, melliflua predisposizione congenita con la quale Possiamo Insieme (cambiando l’ordine degli addenti il prodotto quando mai cambia?) consegnare il Comune chiavi in mano a Matteo Bracciali. San Cipriano in Gianni Mori, ieri, a las cinco de la tarde, di lorciana funzione mnemonica, ma non di memoria sufficientemente asservita alla lezione proveniente da un passato non remoto, si  regolò sul 14 giugno prossimo venturo. Come Isaac Newton insegna ad ogni azione corrisponde una reazione e quindi quando un boccino come Insieme Possiamo colpisce una boccia come il PD, la boccia schizza mentre il boccino varia di poco il suo moto inerziale. E’successo, e succederà, proprio così allorchè da Piazza Sant’Agostino da stamane hanno diramato il REGOLAMENTO PER GLI ELETTORI DI INSIEME POSSIAMO, che vado a leggerle pari pari, dice:  su decreto di Matteo Bracciali, candidato a sindaco di centrosinistra, il prossimo 14 giugno, ciascun elettore di Insieme Possiamo dovrà garantire al PD la propria libertà di coscienza. Ecco come: 

1) Ospitando a casa propria l'ex candidato a sindaco Gianni Mori dall'apertura e alla chiusura dei seggi onde controllare che l'elettore si astenga davvero dal voto.

2) L'elettore che invece eserciterà la sua libertà di coscienza andando a votare Bracciali dovrà portare con sè l'ex candidato a sindaco Gianni Mori e permettergli di controllare in cabina la sua espressione di voto. 
L'ex candidato a sindaco Gianni Mori garantisce l'ubiquità ma non la desistenza (come da tradizione di questa sinistra).

Egregio Preside, non si creda che Ghinelli sia rimasto con le mani in mano! Ghinelli va al ballottaggio! Ingegner Alessandro Magno va chiamato!!! Il Gamurrini già annuncia a Teletruria i dischi volanti al Prato da giovedì 11 a venerdì 12 giugno. 
E' il cambiamento, ragazzi! - spiega lo spin doktor dell'avversario di Bracciali - la mongolfiera ha fatto il suo tempo! Sotto con gli Ufo. Intanto il Rossi (Angelo), invece, ariporta qua Pannella (du p**e) e si fa altri selfie con il Gianni Massimo (altre du p**e).

Ma, mio caro Paulus, il PD mica è fesso, al Rossi (quell’Angelo) e alle cronache marziane del Gamurrini,  il PD contrapporrà, secondo fonti ben informate che manco ce l’ha il Tosi (il Luca, autore del vangelo secondo Teletruria),  la via maestra segnata da un anonimo il quale sostenne: una città come un bambino ha bisogno più di una buona visione che di una buona parola. E quale migliore visione potrebbe donare il PD ad Arezzo e agli aretini se non certe forme che son meglio di certe riforme? Ha capito!? Lei, sì lei, epigona della Sabrina Ferilli in bikini nel 2001 al Circo Massimo per la Roma, lei la divina ministra, la Venere in Boschi, farà una passerella in bikini all’Anfiteatro Romano in chiusura di campagna per il ballottaggio! Voglio proprio vedere chi obietterà di coscienza a darci un Bracciali per sindaco se Matteo sarà pronubo di questa visione! Nell’occasione saranno collaudati i maxischermi in allestimento per il Saracino.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0