Prima Pagina | Cronaca | ATO: la GDF su mandato della Corte dei Conti, sequestra la documentazione sulla gara che vide vincitore Seitoscana

ATO: la GDF su mandato della Corte dei Conti, sequestra la documentazione sulla gara che vide vincitore Seitoscana

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
ATO: la GDF su mandato della Corte dei Conti, sequestra la documentazione sulla gara che vide vincitore Seitoscana

La guardia di finanza, su mandato della Corte dei conti, si è presentata nei giorni scorsi negli uffici di Siena dell'Ato rifiuti Toscana sud e ha acquisito la documentazione relativa alla gara unica per la gestione dei rifiuti nelle province di Grosseto, Siena e Arezzo.

La Guardia di Finanza è rimasta nella sede di Ato Toscana Sud due giorni, analizzando, copiando e sequestrando una grande quantità di documenti.  

Una gara contestatissima, fin dalla sua nascita, che aveva visto alla fine un solo partecipante e mai resi noti i termini della gara. Anzi, a questa redazione come molti ricorderanno a causa della foto col bavaglio alla bocca, solo per essersi permessi di chiedere la pubblicazione deli atti, ci è stata inviata diffida e minaccia di querela. 

“C’è un esposto”, ha spiegato Andrea Corti, direttore dell’Ato rifiuti Toscana sud. Ma non è niente di straordinario: io stesso dico che bisogna sgombrare il campo da dubbi. Ma si è trattato solo di un semplice accesso agli atti”. Probabilmente l'esposto è stato presentato dal M5S di Grosseto, ma avremo modo di chiarire i dettagli in seguito.  

Per il M5s un simile meccanismo “non si pone solo in sostanziale contrasto con le previsioni normative in materia di concorrenza ma ha altresì una ricaduta economica estremamente concreta atteso che, così facendo, non si persegue lo scopo di garantire alla collettività il miglior servizio al minor costo”.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

3.00