Prima Pagina | Politica società diritti | Moretti, “Mia madre”, i nostri anziani

Moretti, “Mia madre”, i nostri anziani

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Moretti, “Mia madre”, i nostri anziani

 

Stamani è stato presentato a Cannes “Mia madre”, il nuovo film di Nanni Moretti. Ho letto che è piaciuto ai giornalisti. Probabilmente piacerà anche a me. Intanto mi ha fatto ragionare. Il cinema è spesso lo specchio del cuore della società. E il rapporto dei figli adulti con i genitori sempre più anziani e spesso in condizioni sempre più precarie è il tema di oggi. Non ci sono soltanto le paure della malattia e della morte. Ci sono soprattutto quelle di come si vive la vecchiaia. Da soli? Non autosufficienti? Senza risorse? In questa campagna elettorale tutti corriamo molto e forse tralasciamo cose importanti. I nonni non sono abituati ad urlare, non vanno sui giornali, non hanno un profilo facebook, non twittano. Però ci sono e a loro dobbiamo se non tutto, perlomeno molto. Ne parleremo giovedì prossimo, alle ore 21, alla Casa delle Culture.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0