Prima Pagina | Arte e cultura | Inaugurato dal prorettore dell'Ateneo e dagli studenti CampusLAB, uno spazio per studiare e lavorare insieme

Inaugurato dal prorettore dell'Ateneo e dagli studenti CampusLAB, uno spazio per studiare e lavorare insieme

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Inaugurato dal prorettore dell'Ateneo e dagli studenti  CampusLAB, uno spazio per studiare e lavorare insieme

Al Pionta il Dipartimento universitario di Arezzo sperimenta forme innovative di didattica e lo fa con un progetto nato dalle proposte degli studenti

 

 

E’ stato inaugurato questa mattina al Pionta CampusLAB, uno spazio nato dall’ascolto delle richieste degli studenti universitari e realizzato con loro all’interno del Dipartimento di Scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale dell’Università di Siena. Qui, in un’intera ala della palazzina ex Ram, circa 400 metri quadrati nel campus del Pionta, gli studenti potranno sperimentare forme innovative di didattica, sviluppare progetti, lavorare insieme, incontrare rappresentanti del mondo del lavoro.

CampusLAB è stato inaugurato dal prorettore dell’Ateneo Francesco Frati, dalla direttrice del Dipartimento universitario  Loretta Fabbri e dagli studenti coinvolti direttamente nel progetto. Sono intervenuti anche  il presidente di Confindustria Toscana Sud e vicepresidente della Camera di Commercio  Andrea Fabianelli, l’assessore comunale Paolo Fulini, Tiziana Giovenali, referente dell’Ufficio scolastico territoriale, e tutti gli studenti che hanno partecipato alla realizzazione del progetto.

“Nella Programmazione triennale dell’Università di Siena – ha detto il prorettore Francesco Frati – ci sono due linee strategiche collegate al progetto che inauguriamo oggi: quella del miglioramento dei servizi agli studenti  e  quella dell’occupabilità. CampusLab promette di lavorare in questa direzione. Non possiamo non ascoltare i nostri studenti e non possiamo non pensare a forme di didattica innovativa anche per agevolare il loro ingresso nel mondo del lavoro. Gli studenti ci chiedono d fare esperienze nuove e non c’è luogo migliore dell'Università per sperimentare”. Il prorettore ha poi rivolto un invito ai rappresentanti dell’economia e delle istituzioni aretine: “Vogliamo che l’Università sia sentita come soggetto del progresso sociale di una comunità. L’invito è a lavorare insieme affinché questa sede e il territorio aretino rappresentino uno dei pilastri dell’Università di Siena”.  

“L’idea di questo spazio si fonda sulla convinzione che è necessaria la presenza di luoghi dove studenti, docenti e rappresentanti delle diverse istituzioni possano lavorare insieme”, ha spiegato la professoressa Loretta Fabbri. “Il progetto è nato con gli studenti, dall’ascolto delle loro richieste riguardanti l’insegnamento e l’apprendimento e dalle loro necessità di essere sostenuti nella costruzione di una identità professionale solida, in grado di affrontare le grandi sfide e incertezze degli attuali scenari lavorativi”, aggiunge la professoressa. “Abbiamo creato un luogo che incoraggerà il confronto, lo studio di gruppo, dove potranno realizzarsi forme diverse di interazione tra gli studenti, tra gli studenti e i docenti, tra l’università e la realtà economica, sociale e culturale e dove gli studenti saranno aiutati ad assumere un ruolo alternativo a quello che è stato loro riservato fino ad oggi”.

Gli studenti si sono mostrati soddisfatti del lavoro svolto. “CampusLAB è un nuovo spazio che è stato progettato non solo per noi ma soprattutto con noi – hanno detto stamani - e siamo felici che sia stata accolta anche la nostra proposta per il nome. In questi nuovi spazi potremo ‘praticare forme di apprendimento autonomo’: fare ricerca con  i nostri colleghi, stabilire scambi fra pari , creare idee per il nostro futuro. Inoltre è' uno spazio che invita i docenti a  ridurre il numero di lezioni frontali, incoraggiare il lavoro di gruppo, e ospitare  testimoni del mondo del lavoro”.

Andrea Fabianelli ha apprezzato il progetto di CampusLAB e ha dato agli studenti la disponibilità di Confindustria e della Camera di Commercio di Arezzo a supportarli nella ricerca del lavoro mettendo a disposizione l’esperienza presente nelle organizzazioni aretine.

Oltre alle attività già descritte che si svolgeranno all’interno di CampusLab, ci sarà spazio anche per attività con le scuole superiori per forme di didattica integrata con l’università e per laboratori di start-up per supportare l’autoimprenditorialità.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0