Prima Pagina | Cronaca | Il 25 aprile in città e al sacrario del Commonwealth

Il 25 aprile in città e al sacrario del Commonwealth

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il 25 aprile in città e al sacrario del Commonwealth

 

Le celebrazioni sono iniziate alle 8 di sabato 25 aprile, quando una delegazione dell'ANPI ha portato fiori a tutti i cippi, lapidi e monumenti ai caduti.

Alle 9.30 la deposizione della corona di alloro al monumento che ricorda i 792 caduti del Comune di Arezzo posto all'ingresso del cimitero urbano.

Alle 10 il rito religioso presso la Chiesa di San Bernardo officiato da Mons. Tommaso Tonioni,

Alle 10.30 LIBERAPERTA, FIAB, ANPI, ANPd’I e il Presidente del Consiglio comunale Giovanni Ralli, in compagnia della comunità bengalese e del Ghana, hanno deposto una corona di fiori nel cimitero del Commonwealth Britannico, a Indicatore, in onore dei soldati

morti nei giorni della liberazione di Arezzo, ragazzi morti anche per la nostra Libertà.

Gli Inglesi, a differenza degli americani, non concentrarono i loro morti in pochi grandi sacrari, ma li tumularono sui campi di battaglia in cui erano caduti.
Nel cimitero di Indicatore sono sepolti 1267 soldati, 37 dei quali ignoti: 787 sono inglesi, 20 canadesi, 27 neozelandesi, 50 sudafricani, 387 indiani e 5 di altri paesi alleati (di cui 1 sovietico). Ha partecipato una nutrita rappresentanza della FIAB giunta qui in bicicletta da Arezzo e l’associazione paracadutisti in congedo, che ha tributato ai militi sepolti ad Indicatore, gli onori militari.

Alle 11 la deposizione della corona di alloro al Sacrario dei Caduti in via dell'Anfiteatro.

Alle 11.15 cerimonia dell' alzabandiera al monumento alla resistenza del Poggio del Sole, con gli interventi del Presidente della Provincia Roberto Vasai, del Prosindaco di Arezzo Stefano Gasperini e del Presidente della Confederazione fra le Associazioni Combattentistiche e Partigiane Stefano Mangiavacchi.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00