Prima Pagina | Politica società diritti | Petrarca, su il sipario

Petrarca, su il sipario

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Petrarca, su il sipario

Straordinaria folla alla riapertura

 

Una grande fretta, come per le grandi occasioni. Fretta di entrare per centinaia di aretini che oggi pomeriggio hanno affollato il teatro Petrarca. Un solo protagonista: il teatro stesso. In centinaia per vedere se era rimasto lo stesso, se era cambiato, come era cambiato dopo 5 anni di silenzio e dopo altri 5 di intensi e difficili lavori.

“Oggi è la festa della città – ha detto il pro Sindaco Stefano Gasperini che ha prima di tutto ringraziato Giuseppe Fanfani per essere stato il “motore” della macchina del restauro nei suoi anni da Sindaco. Gli aretini si riprendono il loro teatro”. Con lui, sul palco, il Presidente dell’Accademia del Teatro Petrarca, Pietro Luciani: “è stato un percorso ad ostacoli, lungo e impegnativo. Il risultato finale riempie il cuore a chi ha dato il cuore per il teatro”. E poi l’assessore Franco Dringoli (“è un patrimonio che  lasciamo alle prossime generazioni”). Ha anche ringraziato la ditta Marconi per aver messo a disposizione gli arredi del teatro. Sono quindi intervenuti l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli (“stasera si compie una magia”); il Presidente della Provincia, Roberto Vasai (“ritrovarsi qui è un’emozione per tutti”); il Coordinatore del Gruppo progettazione e direzione lavori, Roberto Verdelli che con grande emozione ha ricordato tutti coloro, dagli architetti agli ingegneri, dai restauratori agli operai, dagli idraulici agli elettricisti che hanno reso possibile il ritorno del Petrarca alla città. Infine l’assessore alla cultura, Giuseppe Pasquale Macrì: “siamo nel proscenio, nell’intermondo tra reale e rappresentazione. Il proscenio è un luogo magico che racconta commedia, tragedia, musica, maschere, poesia, danza. Stiamo lavorando ad una stagione teatrale con grandi compagnie. Insegniamo ad amare il  teatro anche ai più piccoli, frequentiamolo e vogliamogli bene”.

I lavori

La prima “crepa” venne registrata l’8 marzo 2000, in occasione di una visita didattica al Teatro Petrarca di un gruppo di studenti, quando emerse che una struttura portante della copertura versava in pessime condizioni di stabilità. Fu così dato avvio a un primo restauro di pronto intervento che in qualche modo rinviò la chiusura definitiva del 2005. Quest’ultima rappresentò la cesura di una storia cominciata il 21 aprile 1833 quando al Teatro Petrarca andò in scena “Anna Bolena” di Gaetano Donizetti.

La configurazione del teatro al momento di questa chiusura risultava sostanzialmente inalterata rispetto all’ultima riorganizzazione tardo-ottocentesca. Il progetto di restauro e adeguamento funzionale si è articolato in più fasi e ha interessato vari ambiti, dovendo rispondere ai molteplici requisiti connessi al funzionamento di una moderna “macchina teatrale” e al tempo stesso garantire la compatibilità di ogni intervento con una preesistenza storica di valore architettonico e culturale.

Intanto la fruibilità: il progetto ha previsto infatti la completa riorganizzazione del sistema dei percorsi, la nuova sistemazione della biglietteria, il recupero dello scalone di rappresentanza, l’ammodernamento di guardaroba, bagni e servizi igienici, una più ampia zona bar. A tale proposito il bar avrà un collegamento diretto con il giardino del teatro, di cui potrà avvalersi per servizi all’aperto. La riqualificazione degli spazi esterni del teatro ha rappresentato uno degli elementi qualificanti. L’area retrostante era in stato di abbandono, specie il giardino pensile prospiciente Piazza del Popolo. Si potrà ora raggiungere il giardino, completamente risistemato, che sarà disponibile per nuove funzioni integrative, non solo legate al bar, ma alle più varie attività civiche in un inedito percorso urbano di connessione tra Piazza del Popolo e via Guido Monaco.

Opere importanti sono state realizzate negli spazi direttamente destinati allo svolgimento degli spettacoli per consentire la massima compatibilità con i vari generi di rappresentazioni teatrali. In particolare, nel caveo di platea, è stato ampliato il golfo mistico per accogliere un maggior numero di orchestrali ed effettuato un nuovo e più confortevole allestimento delle poltrone. La zona del palcoscenico è stata rifatta: esso, prolungato verso la sala del pubblico di circa un metro, per consentire agli artisti di esibirsi fin sotto l’arco del boccascena, potrà sopportare i carichi richiesti per lo svolgimento di ogni genere di spettacolo.

Ai piani dei vari ordini di palchi è stato innanzitutto effettuato il recupero dei camerini dislocati dal primo al terzo piano in modo da renderli consoni al prestigio dei migliori attori e sufficienti anche per compagnie numerose. Il recupero dei palchetti degli spettatori ha previsto la rimozione generalizzata delle tinteggiature esistenti, eseguite in materiale plastico negli anni Settanta e il conseguente ripristino di pitture coerenti con i tipi originari, la sostituzione dei controsoffitti con altri di adeguata resistenza al fuoco, la pulitura e il trattamento delle pavimentazioni in cotto con il rifacimento delle parti incongrue, la sostituzione delle porte in faesite con altre coerenti con l’architettura storica del teatro. Nei corridoi e nelle scale sono stati sostituiti i rivestimenti in marmo e le pavimentazioni in graniglia con altri in pietra e in cotto.

Consistenti anche gli interventi per la messa in sicurezza dell’edificio sotto il profilo della prevenzione incendi. Si è proceduto, in particolare, alla realizzazione di una nuova scala di sicurezza sul lato prospiciente il monastero della Badia al fine di collegare tutti gli ordini dei palchi con una scala “protetta” in una zona dell’edificio che ne era fino a oggi sprovvista. L’antica scala, che originariamente disimpegnava in modo esclusivo solo il III e IV ordine dei palchi, è stata resa accessibile come via di esodo anche per il I e II ordine. Il progetto di consolidamento delle antiche strutture del teatro è stato finalizzato a un maggiore livello di sicurezza dell’edificio rispetto a eventuali fenomeni sismici.

I nuovi impianti sono stati progettati in linea con i più aggiornati criteri, fornendo tutte le potenzialità per future implementazioni anche in ambito di performance multimediali. All’impianto di climatizzazione è stata rivolta attenzione in quanto dovrà rispondere non solo alle esigenze di confort ambientale, ma anche di piena compatibilità con l’ascolto o l’esecuzione di musica e prosa. I nuovi impianti elettrici consentiranno una miglior gestione di luci e potenza all’interno del teatro, con il completo rinnovo di tutti i quadri elettrici. Particolare attenzione è stata riservata all’impianto di illuminazione che ha reimpiegato gli antichi corpi illuminanti, procedendo al restauro di lampadari e applique a pendenti con gocce di cristallo attraverso un’accurata pulitura e doratura dei vari componenti. Per garantire il contenimento dei consumi, sono state installate lampade a led in sostituzione di quelle esistenti a incandescenza


Bracciali: “il Petrarca è un segno di ottimismo, la prova che ce la possiamo fare. Tutti insieme”

Due spettacoli in contemporanea ieri pomeriggio al Petrarca. Il primo: il teatro.  Restaurato con intelligenza e amore per questa forma d’arte, ha conservato il senso della sua storia e si è dimostrato pronto a nuove stagioni. Grazie al Comune e alla Regione ma in particolar modo all’Accademia del teatro Petrarca che da sempre,e quasi sempre in silenzio, garantisce non solo una struttura ma anche un diritto, quello alla cultura.

Il secondo spettacolo: i cittadini. Non sono bastati platea e palchi per contenere il segnale che la città ha mandato. E’ una domanda di teatro, di spettacolo, di cultura. Ma è anche una domanda di ottimismo e di voglia di fare. La crisi ha ripiegato molti, li ha indotti al pessimismo e alla sfiducia. Il teatro Petrarca è la prova tangibile che ce la possiamo fare. E ci dice anche come: lavorando insieme. Pubblico e privato. Professionisti, politici, artigiani, artisti, amministratori pubblici.

Alla prossima amministrazione il compito di raccogliere questo messaggio e di trasformarlo in concreta e quotidiana pratica amministrativa.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00