Prima Pagina | Lettere alla redazione | Ho un debole per l'aerea Lebole: il contributo di un lettore

Ho un debole per l'aerea Lebole: il contributo di un lettore

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Ho un debole per l'aerea Lebole: il contributo di un lettore

Buonasera a chi mi legge, raccolgo il vostro invito per partecipare con idee allo sviluppo della città: La mia riflessione è fatta sulla destinazione d'uso prevista per l'area ex Lebole, che stante le proposte dell'attuale amministrazione, sarà una nuova colata di cemento speculativo in favore di amici, costruito sicuramente da imprese amiche degli amici econ una destinazione commerciale di cui non si ravvisa l'esigenza in città. Un altro centrocommerciale che non farà altro che impoverire il centro cittadino, costringendo alla chiusura esercizi commerciali di prossimità che lasceranno sempre più abbandonato a se stesso il quartiere storico della città. Nessuna lungimiranza per le reali necessità della città. Passo a spiegare la mia utopia, sperando di riuscire a far apparire un quadro chiaro a chi mi sta seguendo.

La localizzazione dell'area è strategica per molteplici aspetti, all'ingresso del raccordo, fuori ma limitrofa al centro, lungo direttive ferroviarie provenienti da Casentino e Valdichiana.

Cosa vedrei per il bene della città? Tante cose che elenco:

tante, troppe scuole secondarie e superiori sono attualmente ospitate in edifici storici disagevoli per accesso, inadeguati come spazi, mancanti di palestre, laboratori,teatri e auditorium, ediifici magari non a norma antisismica, classe energetica praticamente insesistente.Quale sostenibilità economica al progetto? Provate a calcolare quanto ci costa come società, questa inadeguatezza, insicurezza e quanto costerà nei prossimi 20/30 anni tutto quanto? Provate a pensarci. Non sarebbe il caso di ripensare ad una destinazione del genere per l'area? Libererebbe tanto caos dal centro cittadino, garantirebbe accesso facilitato da tutte le parti di Arezzo, sarebbe a 600 metri dalla linea ferroviaria del Casentino, a 400 metri dalla stazione di Pescaiola per chi viene dalla Val di Chiana. Garantirebbe locali idonei, spazi adeguati ad una scuola di qualità, ci sarebbe posto per tutto quanto necessario per una modernissima cittadella dello studente. Utopia? Certo, e visto che ci sono provo ad andare oltre pensando ad una metropolitana leggera che correndo accanto alla ferrovia attuale possa collegare l'area ex Lebole con gli altri poli dello studio dell' ITIS lato polizia stradale e Pionta ( lasciamo stare i faraonici ponti di CALATRAVA attraverso la ferrovia che ho visto da qualche parte), il paventato parcheggio nell'area ex scalo merci), passando per la stazione di Arezzo andrebbe poi ad arrivare a lato del parcheggio Mecenate così da collegare il polo scolastico PACLE/LICEO ARTISTICO , legando così tutti gli istituti tra loro.

Cos'altro? Pensate alla inadeguatezza dell'attuale posizione e condizione della caserma dei Vigili del Fuoco, nella confusione della città e difficoltosa per raggiungere eventuali emergenze fuori centro urbano. Quale miglior ubicazione se non sul raccordo e sulla tangenziale? FAccio presente, tanto per rigirare il coltello nella ferita, che Siena,con una situazione medesima alla nostra, si è vista costruire una nuova caserma guarda caso lungo la tangenziale, sarà un caso o a Siena si può fare tutto e da noi no?

 

L'attuale caserma dei vigili urbani paga uno sproposito per locali assurdi e fuori mano, ci sarebbe posto anche per ospitare questa caserma o no? Pensate la cittadella dello studio, moderna e funzionale e con vicino la sicurezza del controllo di Vigili Urbani e del Fuoco, a 700 metri dal pronto soccorso dell'ospedale. Quale miglior localizzazione per un progetto del genere e quale miglior destinazione d'uso dell'area?

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

1.00