Prima Pagina | Politica società diritti | Banca Etruria: lettera aperta di Bracciali ai Commissari

Banca Etruria: lettera aperta di Bracciali ai Commissari

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Banca Etruria: lettera aperta di Bracciali ai Commissari

Il capogruppo del PD in consiglio comunale e candidato sindaco del centro sinistra, scrive una lettera aperta ai commissari

 

 

Matteo Bracciali ha inviato una lettera aperta ai Commissari di Banca Etruria,  Riccardo Sora e. Antonio Pironti. La premessa è dedicata alla consapevolezza sia del momento che del ruolo ricoperto da ognuno: “voi state assolvendo ad un compito delicato e prezioso che svolgete in piena autonomia e nella irrinunciabile riservatezza. Io, da parte mia, sono il capogruppo consiliare del maggior partito di questa città, il Pd, e per di più mi candiderò a Sindaco nelle prossime elezioni di maggio. Voi dovete lavorare in silenzio ma io non posso stare in silenzio. Immobile alla finestra, a guardare in attesa di quello che accadrà. E a fare, alla fine, i classici e facili commenti di comodo”.

Fatta questa premessa, Matteo Bracciali entra nel merito: “in molti vi avranno detto che Banca Etruria non è per noi aretini una banca come le altre. Non solo vi confermo che è vero ma ve lo assicuro dal mio angolo di visuale, quello di un uomo di 30 anni che è nato un secolo dopo questa banca. Per tutti noi, senza eccezione alcuna, “la banca” è quella dell’Etruria. Non c’è famiglia che non abbia avuto (o abbia) un parente o un amico dipendente dell’istituto. Negli anni sessanta e settanta questo ragionamento lo si poteva fare solo con la grande Lebole. La nostra è una bellissima città che ha sempre avuto punti di riferimento condivisi: quella che veniva chiamata semplicemente la Banca Popolare era uno di questi. Creata dagli aretini, gestita dagli aretini. Soci, dipendenti, risparmiatori”.

Bracciali evidenzia il bisogno di chiarezza e trasparenza che è dell’intera città: “non le voci per la strada ma i documenti ufficiali e pubblici di Banca Italia gettano molto più che una nera ombra su una storia che vi ho appena accennato. I miei valori, la mia età e la mia storia non mi creano alcun problema nel dirvi la durezza del vostro lavoro sarà l’unica speranza di rinascita della banca.  Pulizia e trasparenza per ripartire daccapo”.

Durezza che deve tener presente anche le persone, totalmente incolpevoli, che rischiano di subire i riflessi negativi di questa vicenda: “voi sapete bene che dietro i numeri ci sono le donne e gli uomini. Persone che hanno lavorato dentro la banca, persone che vi sono entrate chiedendo un mutuo per la casa o un finanziamento per la piccola bottega artigiana, persone che vi hanno portato i normali risparmi di una vita di lavoro. Persone che poco o nulla sanno di giochi e di speculazioni finanziarie e che si sono fidate di Banca Etruria perché era la loro banca popolare. A voi anche il difficile compito di restituire speranza e fiducia a queste persone”.

Non c’è, però, solo da fare pulizia rispetto al passato ma anche da creare le condizioni per il futuro: “penso che il vostro lavoro sia poi anche quello di creare le condizioni per l’aggregazione di Banca Etruria ad un altro istituto. E su questo ho poco da dire e nulla da chiedervi – scrive Matteo Bracciali - se non di tenere in considerazione quanto vi ho finora scritto e cioè che il futuro che in questi mesi verrà scritto per la banca sarà anche quello della città”.

Infine gli auguri: “penso di poter dire che ogni cittadino di buon senso, al di là del ruolo e della collocazione politica, sarà a vostra disposizione. Nei giorni scorsi, quando molti hanno fatto un passo indietro rispetto alla Banca, io ho deciso di fare un passo avanti e di aprire un conto corrente. Non sono abituato né a tirarmi indietro né a stare a guardare. Non so nemmeno quanto possa essere utile questa lettera ma volevo che sapeste che molti cittadini come me credono nel vostro lavoro anche se non vi conosciamo. E ci crediamo perché non vogliamo veder morire un pezzo della nostra storia e del nostro presente  e perché pensiamo di avere diritto alla speranza di vedere una nuova banca che raccolga il meglio della storia della Popolare dell’Etruria e possa rappresentare lo strumento di una nuova e moderna economia locale”.

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

2.33