Prima Pagina | Politica società diritti | Magi: “nuova e più equa ripartizione dei profughi in Toscana”

Magi: “nuova e più equa ripartizione dei profughi in Toscana”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Magi: “nuova e più equa ripartizione dei profughi in Toscana”

Per la provincia di Arezzo incremento minore

 

 

Nuova ripartizione dei profughi tra le province toscane.  “Al tavolo regionale abbiamo ottenuto una distribuzione maggiormente equa – commenta Stefania Magi, assessore all’integrazione e responsabile Anci dello stesso settore.  La provincia di Arezzo si è vista quindi assegnare un incremento di poche decine, passando da 261 a 329.  Le province che avevano dato maggiore disponibilità in passato, hanno infatti registrato incrementi minori rispetto alle altre. Il totale toscano sarà di 3.400 unità. La logica che siamo riusciti ad affermare è quella di una distribuzione equa  che possa consentire l’integrazione dei profughi all’interno dei vari sistemi locali. Una soluzione che è funzionale sia ai cittadini stranieri che arrivano nel nostro paese che ai residenti”.

Adesso sarà la Prefettura a pubblicare il bando. “L’esperienza dell’accoglienza profughi si sta progressivamente perfezionando, anche sulla base, purtroppo, di esperienze negative.  E stiamo lavorando per affermare una cultura che renda chiara e corretta la percezione di questo fenomeno. La percentuale di profughi rispetto alla popolazione nazionale è veramente minima ed inferiore a quella di altri paesi. Una buona accoglienza e una buona gestione delle situazioni, consente di evitare che la politica dell’accoglienza diventa politica sociale per il concretizzarsi di situazioni di fragilità”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0