Prima Pagina | Territori | Memoria

Memoria

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Memoria

Capolona, 30 gennaio 2015. “Abbiamo sperato che questa tragedia si fosse per sempre allontanata dall’Europa, ma i fatti recenti ci dicono che i tempi funesti possono tornare”. Con queste parole il Sindaco Alberto Ciolfi ha introdotto il Concerto di Musica Degenerata svoltosi al Cinemateatro “Fulgor” di Capolona di fronte ad un folto pubblico attento e coinvolto dalle opere grafiche di Raffaello Lucci e dai ritmi scatenati dell’ensamble Alef Band di Trieste.

La serata è stata l’occasione per meglio conoscere la musica klezmer eseguita in modo impeccabile e coinvolgente dalla Alef Band. Questa musica esprime sia felicità che malinconia, tipica della musica ebraica, ed accompagna feste di matrimonio, funerali o semplici episodi di vita quotidiana. La musica klezmer insieme al jazz, definita quest’ultima da Goebbels “musica-negro-ebraica da giungla”, furono proibite durante il nazismo perché fuori dai canoni della cultura ariana che si voleva imporre.

Durante la serata, scandita da calorosi applausi, sono stati narrati brevi racconti, cantati brani in yiddish e suonate melodie della tradizione ebraica e brani di John Zorn, Viktor Ullmann, Benny Goodman, Naftule Bradwein, George Gershwin.

Il Giorno della Memoria è stato così celebrato a Capolona sottoponendo l’interrogativo: in che modo l’attacco nazista all’arte moderna (non solo quindi alla musica) ha contribuito a creare il contesto ideologico e propagandistico che ha reso possibile la Shoah? “Anche oggi non possiamo farci prendere dalla paura, non dobbiamo limitare la libertà e la laicità: come sempre, si inizia con le opere d’arte, dalla musica ai libri; poi si passa alle donne e agli uomini. Non dobbiamo dimenticare, ha sottolineato Ciolfi.

L’iniziativa è stata proposta dal Comune di Capolona con il sostegno della Presidenza della Regione Toscana, dalla Associazione Culturale “Fulgor” e la direzione artistica del M° Roberto Fabbriciani.

Il prossimo appuntamento al “Fulgor” è fra quindici giorni, il 12 febbraio, con la proiezione del film “Metropolis” restaurato dalla cineteca di Bologna e la musica dal vivo del M° Marco Dalpane.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0