Prima Pagina | Salute e sanità | Aviaria, focolaio individuato in un allevamento privato di anatre nel Comune di Arezzo

Aviaria, focolaio individuato in un allevamento privato di anatre nel Comune di Arezzo

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Aviaria, focolaio individuato in un allevamento privato di anatre nel Comune di Arezzo

Abbattuti 80 esemplari (non destinati alla alimentazione) ed eseguita la disinfezione dell’area. Altri controlli in atto. Probabile fonte di infezione, un contatto con volatili selvatici migratori

 

 

AREZZO – Dopo i numerosi casi verificatisi in estate e ad inizio inverno in varie aziende avicole della Romagna , della Lombardia e del Veneto, anche ad Arezzo è stato individuato un  focolaio di influenza aviaria in un piccolo allevamento privato.

Gli esami che il servizio veterinario della Asl8 effettua in modo routinario negli allevamenti avicoli hanno, in questo caso, dato esito positivo in otto animali su 10 presi a campione.

Si tratta di un allevamento amatoriale di anatre detenute all'aperto nelle vicinanze di un laghetto inserito nell'azienda. Animali non destinati alla alimentazione umana, e che non sono stati mai  trasferiti in questo periodo dalla loro  sede

Probabile fonte di infezione, un contatto con volatili selvatici migratori, una delle modalità più diffuse e recentemente individuata anche in allevamenti del Belgio, dell’Olanda e della Germania. Il contatto con animali portatori del virus è quasi sicuramente avvenuto molto di recente poichè lo stesso allevamento era stato sottoposto ad analoghe analisi nel settembre scorso, ed avevano dato esito negativo. 

L'Istituto Sperimentale delle Venezie, sezione di Padova, che funge da centro di  riferimento nazionale per tale malattia, ha confermato che l’infezione è stata provocata da un virus influenzale di tipo A H5 a bassa patogenicità.

Stante le caratteristiche del virus isolato non vi sono particolari rischi per l'uomo, ma, come noto, le possibili ricombinazioni con altri virus, anche di specie diverse, possono sempre costituire un pericolo potenziale per la selezione di popolazioni virali che possano successivamente infettare l'uomo.

Per tale motivo, come previsto dalla normativa, i servizi a veterinari della Asl8 hanno proceduto alle opportune opere di disinfezione dell’allevamento dopo aver estinto il focolaio con l’abbattimento di 80 anatre con specifiche procedure certificate che tengono conto del benessere animale.

Restano in essere da parte dei servizi veterinari esami e controlli all'interno di una zona di restrizione di un chilometro di raggio attorno al focolaio per evidenziare eventuali contaminazioni o ulteriori infezioni.

 

Le linee guida del ministero della sanità, indicano il rischio di trasmissione del virus all'uomo ''basso, se si seguono tutti i protocolli di igiene europei: chi è in contatto diretto con il pollame malato, come allevatori e veterinari, deve usare opportuni dispositivi di protezione individuale". 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0