Prima Pagina | Salute e sanità | Sei casi gravi per l’influenza sono adesso in rianimazione

Sei casi gravi per l’influenza sono adesso in rianimazione

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Sei casi gravi per l’influenza sono adesso in rianimazione

Due dei pazienti rientravano in quelle categorie a rischio, per cui la vaccinazione è gratuita: presentavano cioè svariate altre patologie, per cui anche il virus influenzale può diventare pericoloso.

 

 

Solo due su sei avevano fatto il vaccino antinfluenzale per prevenire il virus, ma lo avevano fatto da troppo poco tempo e il loro organismo non era ancora pronto a reagire al virus.

Altri pazienti ricoverati negli ultimi giorni in rianimazione, tutti per fortuna sono stati già dimessi. Tutti con sintomi da stress respiratorio grave

Il picco influenzale, previsto per la prima settimana di febbraio, farà probabilmente aumentare i casi destinati alla terapia intensiva, mentre già adesso registra una forte pressione su tutte le strutture sanitarie. Ai pronti soccorsi si registra un aumento del 50% degli ingressi rispetto alla media giornaliera. Difficoltà si registrano anche per i medici di famiglia.

I medici di famiglia si sono occupati degli anziani sopra ai 75 anni ma sono preoccupati dei loro pazienti piu’ fragili, prima di tutto gli allettati. Il rischio è dovuto in buona parte alla sottovalutazione dei rischi dell’influenza.

Rischi che non sono così importanti per chi è in piena salute, fatto salvo qualche giorno a letto. Ma la campagna vaccinale era rivolta alle persone in condizioni di fragilità con patologie croniche cardiovascolari, polmonari, diabete, per citare le più comuni, e alle persone dai 65 anni in su.

Le complicazioni connesse all’influenza possono essere molto serie.

Anche a causa del calo delle vaccinazioni (-20% in Italia), i medici rianimatori sono in stato di allarme. Non si conoscono ancora le percentuali relative alla nostra provincia, ma è facile immaginare che il dato nazionale avrà avuto anche qui i suoi riflessi. Uno dei motivi della campagna anti vaccino, fu l’accusa contro Novartis di aver provocato la morte di alcuni pazienti, accusa che alla luce degli studi successivi, si rivelò totalmente priva di fondamento.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0