Prima Pagina | Politica società diritti | Stabilizzazione precari sanità. Mattesini: “Intesa Stato-Regioni va nella direzione indicata dal PD”

Stabilizzazione precari sanità. Mattesini: “Intesa Stato-Regioni va nella direzione indicata dal PD”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Stabilizzazione precari sanità. Mattesini: “Intesa Stato-Regioni va nella direzione indicata dal PD”

"L’intesa raggiunta nella Conferenza Stato-Regioni con cui si avvia un percorso di stabilizzazione dei precari del Ssn è molto positiva". Lo afferma la senatrice Donella Mattesini, membro della Commissione Sanità del Senato.

 

“Si tratta del frutto di un lavoro iniziato con l’avvio di questa legislatura – prosegue Mattesini - su cui tutto il Gruppo PD in Commissione ha condotto una battaglia decisiva presentando ripetutamente mozioni e chiedendo a più riprese un intervento serio del Ministero. Siamo dunque ben felici che il Dpcm predisposto dal Ministro Lorenzin contenga un cambio di passo che chiediamo da tempo.”

L' Intesa prevede l’avvio di procedure concorsuali riservate al personale precario degli enti del Servizio sanitario nazionale per la copertura del 50% dei posti disponibili. Potranno accedere alla stabilizzazione i precari del Ssn che abbiano prestato un servizio effettivo non inferiore ai tre anni nell’ambito del quinquennio precedente.

"Quest’accordo –  conclude Mattesini – deve rappresentare solo l’inizio di un percorso, in attesa dell'avvio di procedure più risolutive per il miglioramento delle condizioni di lavoro del personale del Ssn. Comunque questo intervento potrà rivelarsi prezioso per migliaia di professionisti medici, infermieri, operatori sanitari che ogni giorno, con abnegazione, garantiscono l'efficacia e la qualità delle strutture sanitarie del nostro Paese. Assieme agli altri parlamentari Pd continueremo il nostro impegno affinché il problema del personale trovi una soluzione stabile, superando la precarizzazione e arrivando ad un rapido sblocco del turn over soprattutto per quelle realtà dove il problema è più acuto”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0