Prima Pagina | Politica società diritti | Consiglio Comunale del 22 gennaio 2015

Consiglio Comunale del 22 gennaio 2015

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Consiglio Comunale del 22 gennaio 2015

Roberto Rossi surroga Daniele Farsetti

Il riconoscimento “dell'impegno costante e costruttivo e della sostanziale correttezza nei rapporti personali e istituzionali” da parte del presidente Luciano Ralli nei confronti del dimissionario Daniele Farsetti ha aperto la seduta di Consiglio Comunale. Dopo di che è iniziata la procedura di surroga prima della quale hanno espresso il loro saluto a Farsetti e l'augurio di buon lavoro al nuovo consigliere: Barone, Francini, Mori, Scatizzi, Cantaloni, Tulli, Lucherini, Bracciali e Gasperini. È subentrato il primo dei non eletti nella lista del Movimento 5 Stelle, Roberto Rossi: nato nel 1970 e residente a Rigutino, è operaio specializzato elettrotecnico attualmente in cassa integrazione.

“Gli apprezzamenti a Daniele mi fanno piacere – ha dichiarato Roberto Rossi. Posso dire che dal Consiglio Comunale va via un cittadino e ne subentra un altro. Il Movimento 5 Stelle è un gruppo di cittadini che fa della coerenza un tratto distintivo. Proverò a portare dentro questa sede le istanze che vengono dalla cittadinanza”.

Gianni Cantaloni e Roberto Ruzzi hanno anche ricordato il cittadino Carlo Forni, scomparso di recente, assiduo frequentatore delle sedute di Consiglio Comunale: “un esempio di come ancora ci siano persone che si appassionano in modo sano alla politica restituendo fiducia a chi la esercita nelle istituzioni”.

La nuova commissione controllo e garanzia

 
Consiglio Comunale 22 gennaio 2015 / La nuova commissione controllo e garanzia

 

L'undicesima commissione consiliare è ricomposta dopo le dimissioni da presidente di Luigi Scatizzi e le dimissioni da consigliere comunale di Daniele Farsetti, che ne era peraltro il vicepresidente. A queste si erano aggiunte le dimissioni dalla commissione stessa di Francesco Francini.

I nuovi componenti sono Luigi Lucherini, Roberto Rossi e Roberto Ruzzi mentre presidente, su indicazione di Francesco Francini, è stato nominato dal Consiglio Comunale con 26 voti Luca Stella. La presidenza dell'undicesima commissione spetta per dettato statutario a un membro dell'opposizione.

Le interrogazioni

Roberto Bardelli e Roberto Barone, con due diverse interrogazioni, hanno chiesto chiarimenti sul parcheggio Baldaccio, affidato alla gestione dell'Atam con una serie di atti di Giunta che ne limitavano temporalmente la stessa al 31 ottobre 2014 e poi ne prorogavano la scadenza al 31 dicembre. È stato fatto riferimento al parere tecnico che accompagnava le delibere di Giunta con evidenziate forti criticità finanziarie ed economiche fin dal primo periodo di sperimentazione e alla scarsa considerazione da parte dell'amministrazione di questo monito. È stata fatta una verifica intermedia nel frattempo? Come si può pensare di pareggiare i costi di gestione per un parcheggio che è sempre stato solo fallimentare? Inoltre: è stato preso effettivamente in consegna il parcheggio da parte di Atam?

Ancora Bardelli sui parcheggi riservati agli abitanti del centro storico - “ebbene sono stati ridotti. La Giunta è intenzionata a rivedere questa scelta?” - e sulla provincia - “che fine faranno le sue quote di partecipazione in quelle società dove anche il Comune è socio?”.

“Arezzo fiere e congressi srl ha approvato il bilancio con un debito esagerato che fa sprofondare sempre più nel baratro questa società partecipata. Mancano ancora 1.400.000 euro come quote dei soci da versare. Il Comune ha ottemperato per la sua? Non è forse finita l'esperienza di Arezzo fiere e congressi e dunque non è il caso per il Comune di abbandonare quel cda?”.

“Finalmente c'è un progetto complessivo sul Pionta. Ma un immobile dovrebbe andare all'accoglienza degli immigrati. È proprio il caso di prevedere una struttura così delicata in un'area già a forte disagio?”.

“Da parte di Regione e prefettura - ha ricordato Dringoli - sono stati chiesti immobili pronti per i profughi. La Usl ha indicato un piccolo immobile presente all'interno del perimetro dell'area Pionta, è roba di mesi fa e non mi risulta ci siano stati sviluppi. Il progetto complessivo non lo prevede”.

Il neo consigliere Roberto Rossi ha presentato una serie di interrogazioni: “intanto sul mancato sostegno al sindaco di Livorno per la nomina a presidente Ait. Il Consiglio Comunale aveva deciso di sostenerlo e così aveva dichiarato anche l'assessore Francesco Romizi. Poi, quando si trattava di partecipare all'assemblea decisiva, Romizi non si è presentato imputando il mancato arrivo alla sede della riunione a un guasto tecnico dell'auto di servizio. In realtà, c'è una nota protocollata dalla quale non risultano anomalie atte a impedire l'effettuazione della trasferta. Come giustifica allora Romizi l'assenza dall'assemblea?”.

“Nuove Acque ha avanzato l'esigenza di aumentare ancora le tariffe correnti oltre a quanto già applicato, il 6,5%, a inizio anno. L'esigenza addotta è stata incamerare alcuni milioni di euro per conguagli di presunte partite pregresse. Attualmente, però, la normativa vigente non consente ai gestori di andare oltre la soglia del 6,5% annuo ma Nuove Acque ha chiesto una deroga. Chiedo di valutare a fondo la richiesta di Nuove Acque per accertarne la reale necessità e non assecondarla prima di un'attenta verifica, di incaricare gli uffici comunali a effettuare un'istruttoria adeguata sulla veridicità della situazione economico-finanziaria prospettata da Nuove Acque, di disporre che in questo iter partecipi la commissione comunale competente e il comitato acqua pubblica”.

“La provincia ha dato delle prescrizioni alla Valli Zabban e non ha accettato proroghe sulle emissioni. Sono stati eseguiti e conclusi gli interventi prescritti e si farà un'analisi della loro efficacia?”.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00