Prima Pagina | Territori | CAPOLONA: Giorno della Memoria: Giovedì 29 Gennaio ore 21,15 Cinema Fulgor.

CAPOLONA: Giorno della Memoria: Giovedì 29 Gennaio ore 21,15 Cinema Fulgor.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
CAPOLONA: Giorno della Memoria: Giovedì 29 Gennaio ore 21,15 Cinema Fulgor.

Capolona, 20 gennaio 2015 – Ricorre quest’anno il settantesimo anniversario dell’abbattimento dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz. Era infatti il 27 gennaio 1945 quando le truppe sovietiche misero fine ad uno dei più grandi orrori che la Storia ha conosciuto.

 

La data del 27 gennaio è diventata simbolica ed è stata scelta dall’Italia per commemorare l’evento attraverso il Giorno della Memoria con lo scopo di ricordare la Shoah, lo sterminio del popolo ebraico, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Capolona, come anche lo scorso anno, celebra il Giorno della Memoria – spiega il sindaco Alberto Ciolfi – con un concerto di musica “degenerata” ed una esposizione di tre opere grafiche sul tema della Shoah dell’artista aretino Raffaello Lucci. Il concerto della Alef Band di Trieste è molto più di un concerto: la Entartete Musik (ovvero “musica degenerata”) fu proibita poiché pericolosa ai fini della salvaguardia della purezza e della cultura della razza ariana. Rientravano in quella assurda categoria tutti i lavori di compositori ebrei e finanche il jazz, definito da J. Goebbels, “musica-negro- ebraica da giungla” e ribattezzato in Italia con il termine “sincopato”. L’obiettivo - continua Ciolfi – è quello di una profonda riflessione e porre un interrogativo a noi tutti: in che modo l’attacco nazista all’arte moderna (non solo quindi alla musica) ha contribuito a creare il contesto ideologico e propagandistico che ha reso possibile la Shoah? Oggi più che mai – conclude il sindaco di Capolona – non dobbiamo farci sopraffare dalla paura, perché la paura è un veleno che corrode, sfocia nella rabbia, si tinge di sospetto, e nel caso dell’attuale terrorismo islamista, le reazioni che ne scaturiscono gettano benzina sul fuoco di pregiudizio e divisione. La paura porta all’odio ed questo che vogliono i terroristi, ed è questo che hanno praticato i nazisti.

Come sempre Capolona ed i capolonesi dimostrano la loro sensibilità, il desiderio di partecipazione e l’impegno attivo nel proporre iniziative di qualità che contribuiscano a far riflettere, sul passato ma anche sul presente, su temi di grande rilevanza che il trascorrere del tempo non ci deve far dimenticare.

L’iniziativa è proposta dal Comune di Capolona con il sostegno della Regione Toscana, dalla Associazione “Fulgor” e la Direzione Artistica del M° Roberto Fabbriciani.

PROGRAMMA:

Giovedì 29 gennaio Cinemateatro “Fulgor”:
ore 20, 45 – Inaugurazione della Mostra del pittore Raffaello Lucci

ore 21, 15 -  Concerto di Musica Degenerata dell’Ensamble Alef Band di Trieste.

L’Alef Band è un ensamble di musica klezmer nato nel 2011. L’idea di base è di mescolare la musica klezmer con elementi di musica moderna quali il jazz ed il blues. Durante la serata verranno narrati racconti, cantati brani in yiddish e suonate melodie della tradizione ebraica e brani di John Zorn, Benny Goodman, Naftule Brandwein, Dave Tarras, George Greshwin.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0