Prima Pagina | Politica società diritti | VASAI: “DELEGHE ASSEGNATE A CHI HA CONDIVISO IL MIO PROGRAMMA”

VASAI: “DELEGHE ASSEGNATE A CHI HA CONDIVISO IL MIO PROGRAMMA”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
VASAI: “DELEGHE ASSEGNATE A CHI HA CONDIVISO IL MIO PROGRAMMA”

Il Presidente della Provincia replica al Sindaco di Bibbiena: “non ci sono poltrone da assegnare, soprattutto in un momento come questo”


“Parlare di spartizioni politiche o di poltrone in un ente nel quale si presta la propria attività per puro spirito di servizio è un'affermazione che respingo al mittente con grande decisione”.

Il Presidente della Provincia Roberto Vasai replica alle affermazioni del Sindaco di Bibbiena Daniele Bernardini, candidato alla carica di Presidente alle elezioni del 12 ottobre scorso, in merito alla nomina di cinque consiglieri delegati che lo supporteranno nell'attività amministrativa.

“Bernardini fin dalla campagna elettorale ha fatto finta di non vedere un dato che era invece evidente, e cioè che si è, legittimamente, candidato in alternativa al centrosinistra e appoggiato dal centrodestra. La scelta non era scontata, viste le caratteristiche delle nuove province che lui stesso richiama, e non sono rari i casi nei quali sono state fatte liste unitarie in considerazione dello scopo che era comunque quello di rappresentare i Comuni in un ente di secondo livello.

Fin dall'insediamento del nuovo consiglio provinciale, del quale Bernardini non fa parte essendosi candidato solo alla carica di Presidente, abbiamo detto che la particolarità della situazione e le caratteristiche del nuovo ente ci portavano a ragionare al di fuori dello schema classico di maggioranza e opposizione, tanto più che un consiglio ridotto a soli 12 componenti ha ovviamente e necessariamente queste caratteristiche.

E' altrettanto ovvio, però, che quando mi sono avvalso di consiglieri a supporto dell'attività amministrativa abbia scelto tra coloro che hanno appoggiato la mia candidatura a Presidente per la condivisione di un programma e di un agire che vede poi, è bene ricordarlo, tutte le decisioni assunte con decreto del Presidente, senza che ci sia un organo collegiale come la Giunta.

Concludo dicendo che in una situazione come quella attuale, tra le difficoltà di bilancio e le legittime preoccupazioni e proteste dei dipendenti, una polemica politica era l'ultima cosa che mi aspettavo di dover affrontare”, conclude il Presidente della Provincia Roberto Vasai.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0