Prima Pagina | Politica società diritti | È in dirittura di arrivo la riforma sanitaria regionale. Riduzione delle aziende da 12 a 3

È in dirittura di arrivo la riforma sanitaria regionale. Riduzione delle aziende da 12 a 3

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
È in dirittura di arrivo la riforma sanitaria regionale. Riduzione delle aziende da 12 a 3

La proposta di legge arriverà in consiglio a gennaio.

La legge di stabilità taglia le spese per oltre 400 milioni. E la sanità pesa per quasi il 68% sul bilancio regionale. I tempi di approvazione delle legge: al massimo febbraio. I contenuti sono delineati. Il primo punto è segnato dalla riduzione delle aziende sanitarie territoriali da 12 a 3, corrispondenti alla aree vaste in cui è suddiviso il territorio.

Entreranno in servizio dal primo gennaio 2016. E si chiameranno Azienda unità sanitaria locale: Toscana Centro (Firenze, Prato, Pistoia e Empoli), Toscana Nord Ovest (Lucca, Massa e Carrara, Versilia , Pisa, Livorno) e Toscana Sud Est (Siena, Arezzo e Grosseto).

Da marzo 2015 via i vertici attuali delle 12 aziende sanitarie. Spariscono i direttori generali, i direttori amministrativi, i direttori sanitari e i direttori dei servizi sociali. Al loro posto arriva un commissario unico per ciascuna area vasta. Sarà nominato dal presidente della giunta regionale e avrà come aiuto un vice-commissario per ognuna delle 12 aziende sanitarie. Svolgerà il ruolo di accompagnatore dei servizi sanitari verso la fusione e la riorganizzazione nelle tre nasciture mega aziende. Le tre aziende ospedaliero universitarie, Pisa, Firenze e Siena, non saranno toccate.

Lo stesso per l'ospedale pediatrico Meyer. Ma dalla primavera arriverà un commissario per la programmazione che entrerà a regime come direttore generale di area vasta. Opererà per evitare la sovrapposizione delle attività delle tre aziende di area vasta con quelle universitarie.

La regìa sarà affidata alla Regione con un comitato strategico regionale ed un comitato di guida. Il comitato strategico avrà un valore politico. Vi siederanno il presidente Rossi - qualcuno già lo definisce un super commissario - gli assessori competenti, i rettori e i presidenti delle associazioni di comuni. Il comitato di guida invece sarà composto da tecnici. 

La Regione Toscana voleva spingersi oltre. Realizzare tre sole grandi aziende territoriali. Via le 12 Asl. Via le tre aziende ospedaliero universitarie. Un emendamento alle legge di stabilità nazionale presentato assieme al Friuli Venezia Giulia con il beneplacito della Conferenza delle Regioni, chiedeva al governo piena potestà di legiferare in materia di sanità.

Ma avrebbe sorpassato la stessa legge nazionale e messo in difficoltà i ministeri della Sanità e dell'Università. Così non se n'è fatto di niente, ma si è trovata una strada laterale. Quella della programmazione di area vasta.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0