Prima Pagina | Politica società diritti | “Insieme Possiamo” sulle Province

“Insieme Possiamo” sulle Province

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“Insieme Possiamo” sulle Province

 

Oltre ventimila lavoratrici e lavoratori delle Province sono definiti, con la Legge di Stabilità del Governo Renzi, esuberi “di fatto”. Anche se vari ministri e sottosegretari continuano a dare false rassicurazioni, la realtà è che le risorse per pagare gli stipendi dei dipendenti non sono state né stanziate né assegnate alle Province e/o ad altre Amministrazioni, che dovrebbero essere quelle in cui transitano questi lavoratori. Tutto ciò significa che, allo stato attuale, la prospettiva per più di ventimila persone è la messa in disponibilità, cioè una copertura salariale dell'80% per 2 anni e poi il licenziamento...Questa situazione è il prodotto, da una parte, dell'impostazione demagogica e populistica del Governo Renzi, per cui si decide l'abolizione delle Province per far vedere che si vogliono abbattere i costi della politica, senza occuparsi prioritariamente di dove dislocare le funzioni essenziali attualmente svolte dalle stesse; dall'altra, di un'intenzione punitiva nei confronti dei lavoratori in generale, che abbiamo ben visto all'opera con l'abolizione dell'art. 18 introdotta dal Jobs Act. “Insieme Possiamo-Lavoro Diritti Beni Comuni” è a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori delle Province e sostiene le lotte e le mobilitazioni che già sono state messe in campo e quelle che seguiranno. Intendiamo farlo non solo per difendere il loro posto di lavoro e impedire che si producano ulteriori licenziamenti, ma anche per tutelare i fondamentali servizi che essi erogano ai cittadini con professionalità e competenza e per chiedere una svolta profonda nelle scelte di politica economica, comprese quelle che mettono in ginocchio gli Enti Locali... Anziché continuare con la logica dei tagli, devastanti e lineari, nei loro confronti e con scelte di riassetto istituzionale sbagliate, occorre incrementare le risorse pubbliche a disposizione, per una politica di rilancio dell'occupazione e di difesa e riqualificazione dello Stato Sociale.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00