Prima Pagina | Arte e cultura | Un viaggio lungo un secolo. I Martini: tre generazioni e cent’anni di storia della psichiatria

Un viaggio lungo un secolo. I Martini: tre generazioni e cent’anni di storia della psichiatria

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Un viaggio lungo un secolo.  I Martini: tre generazioni e cent’anni di storia della psichiatria

Sarà presentato il 12 dicembre alle ore 17 dalla dr.sa Laura Occhini, Professoressa dell’ Università degli Studi di Arezzo – sede di Arezzo - che interloquirà con l’Autore e gli ospiti nella Sala delle Conferenze dell’Archivio di Stato – in Piazza del Commissario, 1, in Arezzo.

 

 

Il libro è uscito il 15 novembre per Sarnus nelle librerie e spazi- libri dei Super mercati COOP di Arezzo ; in coincidenza  con i quarant’anni dall’attivazione del Servizio di Salute Mentale di Arezzo diretto da Paolo Martini .

Gaetano, Furio e Paolo Martini: nonno, padre e figlio accomunati da una professione, quella di psichiatri, a cui i tre dedicano la vita e che svolgono da protagonisti nell’arco complessivo di oltre cent’anni. Paolo Martini, che incarna l’ultima generazione, racconta queste tre esistenze che si intrecciano con la storia della psichiatria nel suo libro < Un viaggio lungo un secolo>.   

È Gaetano Martini, laureatosi in Medicina e Chirurgia a Bologna agli inizi del Novecento, a dare inizio a una storia familiare fatta di lavoro indefesso e di grandi conquiste nel campo dell’assistenza pubblica e dei servizi al malato: un percorso che parte con l’istituzione del manicomio in Italia con la legge Giolitti del 1904, e passa attraverso il suo superamento con la riforma del 1978, più nota come “legge Basaglia”. Leggendo il libro, denso di dati, citazioni, riferimenti scientifici così come di immagini e ricordi personali, emerge sempre un’attenzione alle scoperte più innovative in rapporto all’epoca storica di riferimento, in particolare rispetto alla cura degli ambienti , all’assistenza umana e tecnicamente qualificata e soprattutto alla valorizzazione del lavoro : a partire dall’ergoterapia , fino alle attività psicoterapeutiche di gruppo e di comunità, infine allo sviluppo del lavoro cooperativo. Un percorso che culmina nella realtà del nuovo servizio territoriale di salute mentale di Arezzo, che vede Paolo Martini tra i fondatori e i dirigenti più attivi e che, per le sue caratteristiche innovative e non conformistiche, è divenuto negli anni ’80 e ’90 una delle più qualificate realtà.

Nel discorso pubblico a prevalere sono ancora oggi visioni stereotipate e strumentali del passato della psichiatria, dove tutto sembra sempre ridursi ad uno scontro tra manicomio sì e manicomio no, modello biologico contro modello sociale. La storia del < Viaggio lungo un secolo > testimonia la ricerca di una realtà più ricca e articolata, andando oltre il paradigma del controllo sociale o del riduzionismo biologico nella storia delle idee e delle pratiche psichiatriche. 

Il racconto familiare e autobiografico di Paolo Martini stimola letture a più piani e dimensioni, utili a guardarsi indietro, ma anche attorno e avanti.  Nella storia dei Martini le diffuse semplificazioni e strumentalizzazioni rispetto alla professione e al ruolo degli psichiatri, ridotti a carcerieri o a liberatori, non funzionano.  Emergono punti di vista diversi su realtà diverse, espressi da psichiatri non di grande fama, ma di grande operatività.  Nel racconto, non apologetico , prevale  la dimensione pubblica e il continuo tentativo di contestualizzare e comprendere  le vicende vissute  nell’arco di tempo di un secolo.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00