Prima Pagina | Arte e cultura | Qualità della vita, un nuovo master in Psicologia positiva

Qualità della vita, un nuovo master in Psicologia positiva

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Qualità della vita, un nuovo master in Psicologia positiva

Organizzato dal Dipartimento di Arezzo dell’Università di Siena, interessa professionisti nei settori della salute, del benessere, delle risorse umane e delle organizzazioni

 



 

Il Dipartimento di Scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale dell’Università di Siena organizza ad Arezzo un nuovo master in “Psicologia positiva per la qualità della vita individuale e collettiva”.

“La qualità della vita – spiega il direttore del corso, Enrico Cheli - assume una sempre maggiore importanza nelle società postmoderne e interessa numerose figure professionali che operano nei campi della salute, del benessere, delle risorse umane e delle organizzazioni, dell’educazione e del sociale. Questo master – prosegue il professore - affronta in modo olistico i fattori e processi psicoemozionali, psicosomatici, cognitivi, comunicativo-relazionali, socioculturali, educativi e organizzativi che risultano significativi per la qualità della vita, il benessere psicosociale e l’autorealizzazione. Temi che saranno trattati da varie prospettive, tra cui in primis quella della psicologia positiva, una recente branca della psicologia che si focalizza proprio sui questi fattori e processi, non centrandosi sulla patologia ma puntando piuttosto allo sviluppo e valorizzazione delle risorse presenti nelle persone e nelle organizzazioni”.

Oltre a fornire un aggiornato apparato teorico-concettuale e appropriate tecniche operative, il master si propone anche di sviluppare nei partecipanti una maggiore consapevolezza corporea, emozionale e comunicativo-relazionale rispetto ai fattori in gioco, utilizzando una didattica ricca di metodologie esperienziali, quali role playing, role reversal, simulate, self-confrontation, tecniche di mindfulness e respirazione, T-groups. Le competenze fornite sono trasversali e gli sbocchi occupazionali risultano quindi molteplici e riguardano diversi ambiti (compatibilmente con la laurea posseduta). Tra quelli di ambito sanitario e socio-assistenziali: l'educazione alla salute, l'assistenza psicosociale ai malati cronici, le varie attività per il sociale. Tra quelli in ambito scolastico, sia ruoli di docenza sia dirigenziali. Tra quelli di ambito organizzativo e aziendale: la gestione delle risorse umane, la formazione, la prevenzione dei rischi psicosociali, il benessere organizzativo. Tra quelli in ambito libero-professionale: l’orientamento e il career counseling, il coaching, la consulenza e la formazione sulle abilità prosociali, la leadership positiva, il benessere organizzativo, la crescita personale.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0