Prima Pagina | Politica società diritti | La Giunta agonizzante: a chi conviene mantenerla in vita?

La Giunta agonizzante: a chi conviene mantenerla in vita?

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
La Giunta agonizzante: a chi conviene mantenerla in vita?

 

 

Giovedì scorso in Consiglio Comunale, con la bocciatura della variazione del piano triennale dei lavori pubblici, si è avuta l’ennesima conferma: questa Giunta è agonizzante e lo stesso partito di maggioranza non è più in grado di sostenerla. 

Solo grazie a un cavillo regolamentare di dubbia applicazione, sfoderato al momento dal Presidente del Consiglio Comunale, la pratica potrà essere nuovamente votata alla prossima seduta, ma la paura concreta, per non dire la certezza, che venisse bocciato anche l’assestamento al bilancio, ha indotto gli interessati a ritirare quest’ultima pratica per evitare il commissariamento.

A questo punto anche chi, consiglieri di opposizione “responsabili” e cittadini pensavano che fosse giusto sostenere questa Giunta ed evitare il commissario per il bene della città, si dovrebbe ricredere: assessori e consiglieri Pd hanno altro da fare che dedicarsi ai problemi dei cittadini, così impegnati tra primarie e future elezioni. Per di più, gli unici a ricavarne vantaggio sono proprio gli assessori, grazie alla posizione privilegiata dalla quale potranno meglio gestire questa fase.

Sta a quei consiglieri di opposizione che avevano scelto di mantenere in vita la Giunta, deciderne le sorti: è sufficiente non votare, alla prossima seduta, l’assestamento al bilancio.

Meglio il commissario subito che continuare a pagare inutilmente l’indennità mensile a otto assessori e un prosindaco.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0