Prima Pagina | Politica società diritti | “Costruire il futuro di Arezzo”

“Costruire il futuro di Arezzo”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“Costruire il futuro di Arezzo”

Idee e partecipazione per una città più bella, più sicura, più solidale

 

 

 

 

Matteo Bracciali presenta la sua candidatura alle primarie

Cinque anni per almeno cinque risultati. Politici: Arezzo città che siede al tavolo toscano a pari dignità con tutti gli altri comuni capoluogo di provincia. Economici: rilancio del manifatturiero, nuova identità economica, sviluppo dell’occupazione, fortissima semplificazione burocratica anche a sostegno della nuova imprenditoria. Sociali: trasformazione del welfare, vicini alle famiglie, accanto agli anziani, nessuno resterà solo. Territoriali: niente consumo di suolo, centralità della manutenzione, cura della città insieme ai cittadini. Sicurezza: Pm sul territorio, coordinamento con Polizia e Questura, pianificazione degli interventi sulle zone maggiormente a rischio”.

Matteo Bracciali apre la campagna per le primarie di coalizione in vista delle elezioni per il Sindaco di Arezzo nella primavera 2015. Stasera l’inaugurazione del punto elettorale in piazza San Francesco e via libera alla raccolta di firme per la presentazione ufficiale della candidatura per il voto del 21 dicembre.

Una candidatura che sta sulla cronaca: “si stanno ridefinendo, e dal mio punto di vista giustamente, gli assetti di enti, istituzioni, aziende. Arezzo deve essere protagonista a schiena diritta delle scelte. In passato abbiamo subito troppo. Adesso basta. Nessun campanilismo ma la richiesta di una pianificazione strategica che non sia messa a punto in qualche stanza ministeriale o regionale. Vogliamo discutere prima dei servizi dei cittadini e poi degli accorpamenti. Prima dei criteri e poi delle localizzazioni delle nuove sedi accentrate. Noi non diamo nulla per scontato. E faremo in modo che non lo facciano nemmeno i Ministeri e la Regione”.

Una nuova centralità politica di Arezzo che metta la città nelle condizioni di guardare all’Europa e di cogliere pienamente ogni opportunità che si presenterà.

Bracciali ha sintetizzato gli elementi principali del programma che nei prossimi giorni confronterà non solo con la coalizione ma anche con i cittadini, le categorie economiche, i sindacati, le associazioni.

Al primo posto ovviamente il lavoro. Lo è per me ma lo è soprattutto per le famiglie, per i cinquantenni che possono perderlo, per i ventenni e i trentenni che rischiano di non vederlo nemmeno. Quindi un sostegno reale al manifatturiero e al sistema economico locale. Massima semplificazione. Uffici comunali a diretta disposizione di chi vuol creare occupazione e reddito”.

Una buona amministrazione deve essere capace di prendersi cura della salute e della sicurezza dei suoi cittadini, a cominciare da quelli che sono più deboli o che vivono in situazioni di disagio. “Per questo vogliamo dotare ogni zona della città di un punto di riferimento per le persone in difficoltà e, soprattutto in questa fase, garantiamo la massima vigilanza sugli effetti delle trasformazioni delle Asl sui cittadini, soprattutto quelli più deboli e con maggiori disagi

Rendere la città più bella e vivibile e valorizzare il grande patrimonio pubblico saranno obiettivi centrali nei prossimi anni. “Il Piano triennale delle opere pubbliche – ha annunciato Bracciali – dovrà essere incentrato sulla manutenzione, su interventi di prossimità nelle frazioni e nella cintura urbana, per migliorare la vita di tutte quelle persone che abitano quei luoghi, per riscoprirne e valorizzarne l’identità”.

Snodo di ogni progetto sarà il Comune. “Lo intendo aperto, fisicamente e non solo politicamente proiettato sul territorio, capace di ascoltare ma soprattutto di rispondere, attento ai “mal di pancia” ma  con la ricetta per la cura. Più efficienza, più rapidità.Maggiore valorizzazione del personale, maggiore efficienza della macchina”. E legato a questo tema c’è quello delle partecipate.“Tre gli obiettivi: meno aziende ma più qualità del servizio; meno politica e più efficienza; più capacità di programmazione e controllo dell'ente pubblico con meno ingerenza nella gestione”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0