Prima Pagina | Politica società diritti | Carceri, Brogi (Pd): “Qualcosa si è mosso, ma i numeri sulla salute spaventano. Avanti con la chiusura dell’Opg”

Carceri, Brogi (Pd): “Qualcosa si è mosso, ma i numeri sulla salute spaventano. Avanti con la chiusura dell’Opg”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Carceri, Brogi (Pd): “Qualcosa si è mosso, ma i numeri sulla salute spaventano. Avanti con la chiusura dell’Opg”

 

 

“Con una sentenza di condanna, nella maggior parte dei casi, viene garantita anche una malattia. Le strutture carcerarie sono ambienti patogeni. Sappiamo che nei nostri istituti penitenziari l’età media dei detenuti è di 38 anni e che il  60- 80 per cento di loro è affetto da una patologia. C’è un forte, ed evidente, contrasto tra la giovane età dei detenuti e la grande diffusione di malattie all’interno degli istituti. Questo per dire che, è vero, abbiamo fatto passi in avanti per quanto riguarda il sovraffollamento, ma c’è ancora tanto da lavorare su quelle che sono le condizioni igienico-sanitarie all’interno dei penitenziari. E su questo devono continuare a lavorare, tenacemente, le istituzioni. Ed è un bene che il convegno di oggi abbia ancora una volta messo in luce le condizioni delle nostre carceri. Inoltre, accolgo positivamente le parole dell’assessore Marroni in merito al futuro dell’Opg di Montelupo Fiorentino. Una struttura per la quale, esiste già un progetto di superamento messo a punto dalla Regione; un  piano che dobbiamo attuare concretamente, al più presto, e con coraggio. Non aspettiamo, non rimandiamo ulteriormente una decisione così importante”.

 

Così Enzo Brogi consigliere regionale Pd, a seguito del convegno 'Delitti e pena: 250 anni dopo Beccaria. 
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0