Prima Pagina | Politica società diritti | Ralli: “una pubblica amministrazione efficiente non passa dall’umiliazione dei dipendenti”

Ralli: “una pubblica amministrazione efficiente non passa dall’umiliazione dei dipendenti”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Ralli: “una pubblica amministrazione efficiente non passa dall’umiliazione dei dipendenti”

Dichiarazione del Presidente del Consiglio comunale, Luciano Ralli

 

Rendere la pubblica amministrazione più efficiente, amica dei cittadini e meno costosa è un obiettivo assolutamente condivisibile. La domanda è se questo percorso di trasformazione debba essere pagato dai dipendenti pubblici. L’attenzione è concentrata sui dirigenti e sui loro premi e stipendi. Cifre che è ragionevole pensare di contenere. Ma la media degli stipendi dei dipendenti è normale per non dire bassa. Non è quindi accettabile l’ipotesi che la razionalizzazione del sistema passi attraverso la riduzione del personale. Si parla di tagli nella Asl e nella Provincia. Adesso si annuncia la concentrazione delle Soprintendenze. Anche in questo caso: con quali conseguenze occupazionali?

Il futuro di una nuova pubblica amministrazione non passa dalla demotivazione o, peggio ancora, dall’umiliazione dei dipendenti pubblici. Questi, anzi, vanno valorizzati e motivati. In questo senso confermo la mia valutazione affinchè la vertenza degli agenti di Pm e, più generalmente, dei dipendenti del Comune abbia al più presto un esito positivo. Sarebbe un segnale importante di nuova coesione sociale e di volontà condivisa, da parte dell’Amministrazione e dei dipendenti, di operare insieme per garantire servizi migliori ai cittadini.


 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0