Prima Pagina | Cronaca | Arrestato per furto d'auto

Arrestato per furto d'auto

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Arrestato per furto d'auto

Arrestato dalla Polizia di Stato C.A., italiano del 1973, pregiudicato, responsabile del furto di un’autovettura Mercedes asportata mentre era nell’ officina di un elettrauto.

 

Ad allertare il numero d’emergenza 113 è stato lo stesso proprietario della vettura, avvisato dall’elettrauto che qualcuno aveva sottratto una berlina tedesca dall’officina.

L’autore del reato, avvicinandosi con una scusa all’entrata dell’officina, si era introdotto rapidamente all’interno dell’auto e, approfittando delle chiavi inserite nel quadro, aveva messo in moto l’autovettura, allontanandosi fulmineamente, inseguito per un brevissimo tratto dall’ elettrauto stesso.

Allertate dalla sala operativa del 113, le pattuglie della sez. Volanti della Questura di Arezzo hanno ricercato l’auto immediatamente, prima che l’uomo potesse far perdere le proprie tracce.

 Le ricerche sono partite dalla direzione di fuga e si sono estese a varie vie della città ininterrottamente  e dopo venti minuti una Volante ha intercettato, nella zona di Saione, l’autovettura in questione, guidata da un uomo che corrispondeva alla descrizione dell’autore del furto. Il malfattore è stato bloccato dagli agenti che hanno anche recuperato  vari oggetti di proprietà del derubato, che dall’interno dell’autovettura, il ladro aveva già sottratto e riposto all’interno di un borsone.

Il derubato ,che nel frattempo si era diretto a fare denuncia per il furto, è stato avvisato dalla Polizia che la sua autovettura era stata già recuperata e si trovava in Questura per essere restituita. Il reo è stato arrestato dagli agenti della sez. Volanti. Nel pomeriggio è prevista l’udienza per direttissima.

Individuato e denunciato dagli agenti della Polizia di Stato, dopo poche ore dal fatto, M.A., marocchino, trentenne, autore del furto di un monitor all’interno di una  sala scommesse in zona campo di marte.

Il cittadino marocchino in questione, irregolare sul territorio, durante l’apertura al pubblico dell’agenzia ha sottratto un monitor di grandi dimensioni dall’interno della sala scommesse, scollegandolo dai cavi ed asportandolo dalla mensola su cui era in funzione. Solo dopo alcune ore il personale dipendente dell’agenzia si è accorto del fatto ed ha allertato la Polizia. La pattuglia delle Volanti intervenuta sul luogo ha raccolto le informazioni riguardanti la descrizione dell’autore; è iniziata pertanto la ricerca del colpevole che, a circa 20 minuti dall’intervento, ha portato all’individuazione del reo. Grazie alla conoscenza del territorio da parte degli agenti e al raffronto operato dagli stessi tra le foto segnaletiche della Polizia Scientifica e le descrizioni fornite dai testimoni,  i componenti della pattuglia intervenuta hanno con solerzia intercettato e fermato il responsabile, allontanatosi, nel frattempo, in un’altra zona della città.

L’uomo, messo alle strette dalle domande degli agenti, ha provato a darsi alla fuga: dopo un breve inseguimento è stato bloccato. Recuperato e restituito il monitor, che l’uomo aveva occultato in uno stabile di sua disponibilità.

 

Infine segnalati alla Prefettura due giovani, un ragazzo e una ragazza, entrambi diciottenni, trovati in possesso di stupefacente nella mattinata odierna in piazza Risorgimento. In particolare, i due hanno consegnato agli agenti del “Poliziotto di Quartiere”, la pattuglia appiedata della Questura, della marijuana, in parte già  contenuta in cartine e pronta all’uso per essere fumata ed in parte contenuta in bustine di plastica trasparenti.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0