Prima Pagina | Politica società diritti | Partecipata iniziativa, organizzata dal Comitato Aretino l’Altra Europa con Tsipras, giovedì 16 ottobre in Cgil.

Partecipata iniziativa, organizzata dal Comitato Aretino l’Altra Europa con Tsipras, giovedì 16 ottobre in Cgil.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Partecipata iniziativa, organizzata dal Comitato Aretino l’Altra Europa con Tsipras, giovedì 16 ottobre in Cgil.

Gli argomenti all’ordine del giorno sono stati il TTIP e il Jobs Act.

 

Che cos’è il TTIP - ovvero il trattato di libero scambio tra Comunità Europea e USA – il relatore Tommaso Fattori, del Forum dell’Acqua Pubblica, ce lo ha spiegato benissimo e se noi abbiamo a cuore il nostro cibo, la nostra salute, l’ambiente, lo stato del pianeta e la stessa democrazia dovremo esserne ben consapevoli. Se questo trattato dovesse essere ratificato, saranno gli interessi delle potenti imprese multinazionali a determinare le decisioni che riguardano la vita quotidiana. L’11 ottobre, in tutta Europa, organizzazioni, sindacati, comitati e semplici cittadini si sono mobilitati affinché i documenti segreti siano resi pubblici in fase di negoziato e non a cose fatte. 

Il Segretario della Cgil Alessandro Mugnai – che si è dimostrato molto sensibile alle problematiche da noi poste - ha illustrato come il  Jobs Act non sia una riforma  del lavoro ma una controriforma, che distrugge quello che resta dell'art. 18 e rende definitivamente precarie le nostre vite. Non crea lavoro, ma la libertà di licenziamento. Non assicura maggiore uguaglianza, ma anzi determina più precarietà per tutti. Demolisce la cassa integrazione e non garantisce un reddito di cittadinanza, ma nega alle persone la possibilità di vivere in modo dignitoso. Mette i lavoratori sotto controllo con l’uso delle videocamere e rende possibile la diminuzione dello stipendio attraverso il demansionamento.    

A conclusione della serata l’altro argomento affrontato è stato quello delle prossime elezioni comunali. E’ stato ribadito con estrema chiarezza che il Comitato Arezzo per Tsipras sarà parte attiva nella costruzione di una coalizione sociale alternativa all’attuale panorama  politico  cittadino,  una coalizione di  Sinistra  che si metterà a disposizione dei tanti movimenti e comitati sorti in questi anni per tutelare il territorio, la salute, l'ambiente e i servizi pubblici locali,  oggetto - questi ultimi - di  privatizzazione  da parte degli amministratori espressi dal PD, che dimostra di essere sempre più il "Partito Dominante"....

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0