Prima Pagina | Politica società diritti | Mammografia ad Arezzo? Ritorni nel 2015

Mammografia ad Arezzo? Ritorni nel 2015

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Mammografia ad Arezzo? Ritorni nel 2015

Mugnai (FI) «Alla faccia della prevenzione! Necessario invertire la rotta» Il Vicepresidente della Commissione sanità interviene dopo la segnalazione di una paziente aretina

 

 

Mammografia nella Asl8? Se una proprio insiste per farla a Arezzo città, finisce che si va a ottobre 2015. Sì: un anno pari pari. Se però si è disponibili a spostarsi allora… il primo appuntamento è prima: a marzo, sempre dell’anno a venire. Parola del Cup dell’ospedale San Donato di Arezzo. Beh insomma è un po’ tantino, così che la signora protagonista della vicenda ha segnalato la cosa al Vicepresidente della Commissione sanità del Consiglio regionale StefanoMugnai (FI), più volte intervenuto sulla questione apparentemente endemica delle liste d’attesa fuor di misura: «Nel caso specifico – racconta Mugnai – per fortuna la signora non ha grossi problemi di salute e non versa in situazione economica critica. Così, ha deciso che effettuerà il controllo a pagamento, così da non dover aspettare 6 mesi nella migliore delle ipotesi, e sennò un anno addirittura». 

L’amaro in bocca resta comunque, per una prestazione inserita nei programmi di screening dedicati alla prevenzione oncologica: «Ovvio – riflette l’esponente di Forza Italia, che in quest’ottica tempi di attesa simili sanno di assurdo. Crolla l’efficacia dell’offerta sanitaria dedicata al segmento prevenzione, e in questo senso la vicenda che mi è stata segnalata è paradigmatica di un sistema che va cambiato alla radice. Quale diagnosi preventiva ci si può aspettare se il controllo prescritto oggi va all’anno successivo? E’ evidente che il famoso detto ‘prevenire è meglio che curare’ per la Toscana non vale, e diventa una chimera per coloro che non possono permettersi di pagare la prestazione a cui si avrebbe diritto di poter accedere in tempi congrui. Ora, dopo anni di denunce pubbliche ma soprattutto di disagi per i cittadini, la giunta si fa bella di annunci con piani di contrasto alle liste d’attesa che sposano i nostri suggerimenti di sempre. Sì ma ora: a un passo dalle elezioni regionali. Bella forza…»

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0