Prima Pagina | Politica società diritti | Arezzo ad Oswiecim nel segno della memoria e con i colori degli Sbandieratori

Arezzo ad Oswiecim nel segno della memoria e con i colori degli Sbandieratori

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Arezzo ad Oswiecim nel segno della memoria e con i colori degli Sbandieratori

Dal 26 al 30 settembre una delegazione aretina si recherà ad Oswiecim. Ne faranno parte l’assessore Francesco Romizi, il Presidente del Consiglio Comunale Luciano Ralli, il vice Presidente Gianni Pagliazzi, insieme al Presidente della Camera di Commercio, Andrea Sereni, al Sindaco di Anghiari Riccardo La Ferla e ad una rappresentanza degli Sbandieratori.

 

“Diamo continuità ad un gemellaggio che abbiamo siglato da alcuni anni – ricorda il Presidente del Consiglio ComunaleLuciano Ralli. E diamo sostanza ai rapporti istituzionali con le autorità ma anche a contatti per promuovere opportunità per le nostre imprese ed il nostro territorio. Saranno giornate impegnative ma ricche di scambi culturali e imprenditoriali a cui partecipano anche gli Sbandieratori che si esibiranno durante l’inaugurazione del restauro della piazza principale di Oswiecim”.

Il gemellaggio Arezzo – Oswiecim venne firmato in Polonia il 15 giugno 2009 e ad Arezzo il 14 novembre dello stesso anno. Arezzo è la prima città italiana a essere gemellata con la città simbolo della Shoah.

L’assessore Francesco Romizi porta i saluti del Presidente della Camera di Commercio Andrea Sereni sottolineando la partecipazione dell’Ente a questo ampio progetto di gemellaggio.

Ricorda inoltre la mostra sulla Giostra del Saracino che per la prima volta verrà allestita ad Oswiecim e la presenza degli Sbandieratori, ambasciatori del nostro territorio in Europa e nel mondo.

Delegato per i gemellaggi, il consigliere Renato Peloso sostiene di tornare ogni volta nella città polacca con qualcosa in più. “E  sono certo che sarà così anche stavolta. E’ un privilegio per Arezzo essere l’unica città italiana gemellata con Oswiecim, un luogo in cui la memoria del campo di Auschwitz lascia un segno indelebile nei moltissimi visitatori che ogni anno vi si recano. Ma  è anche una città che ama definirsi ‘ di pace’ e con la quale abbiamo rapporti e aspettative importanti”.

Hanno annunciato il viaggio degli Sbandieratori, il Presidente e il Vice Presidente del Gruppo Ugo Coppini e Piero Pedone.Coppini: “siamo orgogliosi di partecipare a questa trasferta in un luogo della memoria e della storia del mondo. E per questo ringraziamo il Comune, la Camera di Commercio e l’Associazione Partigiani che ci hanno consentito di portare in questo nostro secondo viaggio un gruppo di 20 persone così da poter fare un’esibizione completa e di rappresentare Arezzo al meglio”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0