Prima Pagina | Territori | A SUBBIANO SI PRESENTANO I RISULTATI DI UN PROGETTO PILOTA SUL RIUTILIZZO DEI RESIDUI DI POTATURA PER FINI ENERGETICI FINANZIATO CON FONDI DEL GAL

A SUBBIANO SI PRESENTANO I RISULTATI DI UN PROGETTO PILOTA SUL RIUTILIZZO DEI RESIDUI DI POTATURA PER FINI ENERGETICI FINANZIATO CON FONDI DEL GAL

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
A SUBBIANO SI PRESENTANO I RISULTATI DI UN PROGETTO PILOTA SUL RIUTILIZZO DEI RESIDUI DI POTATURA PER FINI ENERGETICI FINANZIATO CON FONDI DEL GAL

Un'azienda agricola di Subbiano ha portato avanti questo progetto innovativo per la Toscana

 

Giovedì 25 Settembre alle ore 10.00 presso la Sala del Consiglio del Comune di Subbiato, si terrà un convegno dai contenuti molto interessanti per il mondo agricolo forestale, ma anche per tutti coloro che sono sensibili alla tematica ambientale in genere. “Valorizzazione energetica delle biomasse forestali e agricole di scarto: il progetto Net-case” è il titolo del convegno nel quale verranno presentati i risultati di un progetto finalizzato proprio al recupero a fini energetici degli scarti di potatura delle aziende agricole e forestali toscane. In assenza di un quadro normativo preciso a livello nazionale, tale percorso, realizzato grazie ai fondi Gal con il coinvolgimento di numerosi soggetti – Azienda Agricola Baglioni Simone di Subbiano, CNR- INVALSA, Erre Energie, la Cooperativa Eco Energie e Agricis – ha portato a dei risultati sorprendenti che lasciano a ben sperare sulla opportunità di risolvere, in maniera virtuosa, la grossa problematica del recupero degli scarti di potatura sia agricoli che forestali. Problematica, quest’ultima, che coinvolge da tempo il mondo agricolo con dispendio enerme di energie e soprattutto di risorse economiche ( visti gli alti costi di smaltimento per questo tipo particolari di rifiuti agricoli).

Il progetto si è mosso su vari fronti, consentendo sperimentazioni parallele anche sui mezzi impiegati, adeguando le tecniche di potatura per consentire il riutilizzo dei residui ai fini energetici, ottimizzando le fasi di produzione del combustibile “biomassa legnosa cippata”, definendo esperienze legate al riutilizzo agronomico delle ceneri da combustione di cippato, in alternativa al loro smaltimento come rifiuti speciali. Sono inoltre state messe a disposizione sul territorio di aree di deposito aperte al pubblico dove sia possibile il conferimento “gratuito” di potature, con rilascio di “certificazione di riutilizzo ai fini energetici” necessario ai fini dell’esenzione dal regime di rifiuti. Fondamentale in questo percorso è l’utilizzazione e il miglioramento di un software open source per gestire la notevole mole di dati derivante dalle informazioni messe a sistema da ciascuno degli utenti - produttori, trasformatori, utilizzatori.

Tutto questo percorso ha portato inoltre ad individuare standard qualitativi di impiego della biomassa legnosa di provenienza agricola e le soluzioni impiantistiche che ne agevolano l’utilizzo, accanto all’individuazione di produttori e utilizzatori sul territorio da coinvolgere in una struttura logistica coordinata e organizzata come rete.

 

Il convegno si aprirà alle ore 10.00 con i saluti del Sindaco  di Subbiano e il Presidente del Gal Sassoli, per poi proseguire con la Regione Toscana per i progetti della misura 124, con Simone Baglione l’imprenditore agricolo attore di questa progettualità innovativa, nati che parlerà dei recuepro dei sarmenti con macchinari modificati ad hoc, benedetti per l’impiego energetico dei sarmenti per finire con Mastrolonardo che parlerà di ceneri da combustione. Le conclusioni della giornata saranno fatte dal Presidente di Uncem Toscana Oreste Giurlani. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0