Prima Pagina | Politica società diritti | Verso la ricetta elettronica, polemica contro Asl 8

Verso la ricetta elettronica, polemica contro Asl 8

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Verso la ricetta elettronica, polemica contro Asl 8

 

 

 

Lo spettro dell'informatizzazione grava sempre più pesantemente sulle amministrazioni pubbliche. Se da una parte sembra una grande rivoluzione che in potenza permetterebbe di risparmiare sui costi di gestione velocizzando la burocrazia, allo stesso tempo, implica una formazione del personale ed una infrastruttura informatica non indifferente, anch'essa molto costosa. E quando il pubblico fa fatica ad adeguarsi ai tempi che cambiano, sorgono dei problemi di difficile gestione.

Questo è il caso della ASL 8 e dei recenti problemi ai quali è andata in contro. Infatti, a quanto pare, sembra che nel distretto sanitario di Monte San Savino ancora non si saprebbe come assistere i cittadini nella verifica dei dati presenti sulla carta sanitaria elettronica al fine di stabilire la loro fascia di reddito.

Il Vicepresidente della Commissione sanità del Consiglio regionale Stefano Mugnai (FI) afferma: "A quanto ci riferisce la consigliera, i pazienti che si recano lì con la buona volontà di ottemperare alle indicazioni della Regione verrebbero invitati a recarsi di persona ad Arezzo, con costi in termini di tempo, soldi ed energie che in particolare per i soggetti anziani si annunciano proibitivi". Questa afferamazione è stata fatta alla Giunta Regionale dopo la segnalazione della consigliera comunale di Monte San Savino, Marcella Luzzi.

"A quanto risulterebbe – spiega ancora l’esponente di Fi – il personale di quel distretto sanitario fruirà di un’ora di formazione su questo argomento il prossimo giovedì. Dopo di allora, ammesso che dalla teoria alla pratica si passi con uno schiocco di dita, alla scadenza del primo ottobre mancheranno 8 giorni lavorativi. Davvero poco. È la solita organizzazione che tenta di abbinare nozze e fichi secchi caricando di incombenze i cittadini già vessati da ticket, liste d’attesa e disfunzioni varie».

Il rischio concreto a questo punto è quello di non riuscire a gestire il servizio efficientemente prima della scadenza del primo ottobre. In aggiunta, data l'imminente scadenza, deve essere trovato un modo per permettere ai cittadini di verificare la propria posizione reddituale su carta sanitaria elettronica senza costringerli ad recarsi nella città di Arezzo.

L'informatizzazione della sanità è solamente una delle tante "rivoluzioni digitali" che stanno avvenendo nel pubblico nel tentativo di velocizzare la macchina burocratica. Attendiamo con curiosità gli sviluppi futuri.

  

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0