Prima Pagina | Politica società diritti | Il saluto di Fanfani al Consiglio comunale

Il saluto di Fanfani al Consiglio comunale

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il saluto di Fanfani al Consiglio comunale

In apertura di seduta, il Presidente Luciano Ralli ha dato al Consiglio la notizia della nomina dell'avvocato Giuseppe Fanfani nel Consiglio Superiore della Magistratura.

 

 

 



Fanfani ha quindi confermato il voto del Parlamento. Lunedì il Capo dello Stato convocherà il nuovo Csm.

“Per me è un grandissimo onore personale e un mutamento profondo della mia vita. E' quindi anche un momento di estrema commozione. Il primo pensiero va alla città: un doveroso ringraziamento per la fiducia che per due volte mi ha accordato. E per la pazienza che ha avuto nell'accompagnarmi in questa ineguagliabile esperienza.

Ho cominciato la mia vita politica a 17 anni, poi sono stato consigliere comunale a Sansepolcro e poi consigliere provinciale. Per una decina d'anni ho svolto solo la professione di avvocato fino quando non fui spinto a candidarmi per un'elezione parlamentare che tutti giudicano destinata alla sconfitta.

Ho poi accettato di candidarmi a Sindaco di Arezzo. Mi sono quindi innamorato non solo della città ma anche di questo “lavoro”. I momenti più gratificanti sono racchiudibili in questi  otto anni. Ho avuto come unico e irrinunciabile obiettivo l'interesse delle città, dando l'esempio ogni qual volta è stato possibile. Non ho mai avuto, in tutti questi anni, un solo euro di rimborso spese per la mia attività di Sindaco.

Ringrazio tutti i consiglieri per la serietà e la disponibilità che sono stati dimostrati in questi anni. Ho visto molti modi di fare opposizione e quindi non posso che ringraziarvi.

Un altro ringraziamento a tutti gli assessori che in questi anni sono stati con me e che hanno dato tutto il possibile in questa fase di gravissima crisi che ha visto diminuire il bilancio comunale del 10% annuo.

Ringraziamento alla famiglia che per otto anni mi ha consentito di non essere sempre presente in essa. Ai dipendenti che hanno svolto con professionalità e responsabilità i loro compiti e agli amici in città che mi hanno sostenuto in questi anni.

Lascio quest'aula con estrema emozione ma con la consapevolezza di essere ancora utile alla nostra collettività in ruolo diverso. Con la certezza di conservare nel cuore l'amicizia di tutti voi e l'intima convinzione di aver operato nell'interesse di Arezzo”.

Un lungo applauso, dell'intero Consiglio, ha salutato la fine dell'intervento di Giuseppe Fanfani
.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0