Prima Pagina | Eventi e spettacoli | "A testa alta", il ricordo di Lauro Minghelli rivive a Santo Spirito

"A testa alta", il ricordo di Lauro Minghelli rivive a Santo Spirito

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
"A testa alta", il ricordo di Lauro Minghelli rivive a Santo Spirito

Domenica 31 settembre sarà raccontata la straordinaria e sfortunata storia dell'ex calciatore amaranto Gli autori del libro "A testa alta" porteranno il loro contributo alla settimana del quartierista giallo-blu

 

AREZZO – "A testa alta". La straordinaria e sfortunata vita di Lauro Minghelli rivive al quartiere di Porta Santo Spirito domenica 31 settembre, alle 21.30, in occasione della settimana del quartierista. A raccontarne la storia saranno Andrea Lorentini, Luca Stanganini e Katia Zeffiri, i tre scrittori che hanno ripercorso la vicenda dell'ex calciatore amaranto nel libro "A testa alta". A dieci anni dalla scomparsa, il ricordo di Minghelli è ancora forte nei cuori di tutti i tifosi dell'Arezzo tanto che gli è stata dedicata la curva dello stadio comunale cittadino nonostante appena 53 partite giocate in amaranto. Appare impossibile, infatti, dimenticare il sorriso e l'innata vitalità dimostrati dal calciatore, prima indossando la maglia della squadra di Serse Cosmi e poi combattendo contro un avversario molto più ostico come la Sclerosi Laterale Amiotrofica. Ben prima dell'Ice Bucket Challenge che sta impazzando in queste settimane, "A testa alta" ha dunque affrontato il duro tema della Sla sensibilizzando e informando sulla malattia proprio attraverso la vicenda di Minghelli. Nel corso della serata i tre autori racconteranno di un centrocampista talentuoso che è passato troppo presto dai successi in campo (gli scudetti nella Primavera del Torino e le promozione nell'Arezzo di Cosmi) alla battaglia contro un avversario terribile come la Sla, una prova affrontata con incredibile forza d'animo e con un contagioso ottimismo. Da vero campione e, soprattutto, sempre a testa alta. Ad impreziosire ulteriormente questo ricordo saranno anche le parole di Roberto Cucciniello, presidente di Orgoglio Amaranto, e di Paolo Bertini, in rappresentanza del quartiere, mentre a moderare l'incontro sarà Roberto Parnetti, direttore responsabile de "Il Bastione" (periodico di Santo Spirito) e rappresentante delle Edizioni Giorgio Vasari (casa editrice del libro "A testa alta"). «La storia di Lauro emoziona e fa riflettere - spiegano gli autori. - In questi mesi abbiamo presentato il romanzo in numerose location, sia ad Arezzo che a Maranello, e ovunque abbiamo percepito l'affetto e il bel ricordo che, dopo dieci anni, continuano a vivere. "A testa alta" ci ha fornito l'opportunità di fissare nel tempo la memoria e i ricordi di un uomo che ha regalato un'incredibile lezione di vita, attraverso le pagine di un libro che inizia parlando di calcio, di amicizie e di amori, fino ad arrivare alla sofferenza, al dramma e alla disperazione legate ad una malattia come la Sla». Queste pagine saranno ripercorse a Santo Spirito, in una serata a cui è invitata l'intera cittadinanza che prenderà il via alle ore 20.00 con l'apertura dei vari stand ospitati dal quartiere.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0