Prima Pagina | L'opinione | Una bruttissima estate

Una bruttissima estate

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Una bruttissima estate

 

Speriamo che questo agosto finisca presto. Il più brutto agosto che io ricordi. La "terza guerra mondiale" ormai è una realtà ed è una guerra surreale perchè ne siamo circondati e non ne conosciamo i confini e le ragioni, se non quelle contraddittorie che i media illustrano. Proprio pochi giorni fa il Governo Italiano ha deciso di sostenere la causa curda attraverso l'invio di armamenti militari per la "difesa personale e di area". E' una scelta che non risolve il problema alla radice che è quello della finora impossibile convivenza tra sciiti, sunniti e curdi. Allo stesso tempo è un segnale di fermezza nei confronti di chi sceglie la violenza ed il terrore come strumento di prevaricazione dell'altro. 
 
"..dove c’è una aggressione ingiusta, soltanto posso dire che è lecito fermare l’aggressore ingiusto. Sottolineo il verbo: fermare. Non dico bombardare, fare la guerra: fermarlo. I mezzi con i quali si possono fermare, dovranno essere valutati. Fermare l’aggressore ingiusto è lecito. Ma dobbiamo avere memoria, pure, eh? Quante volte sotto questa scusa di fermare l’aggressore ingiusto, le potenze si sono impadronite dei popoli e hanno fatto una vera guerra di conquista! Una sola nazione non può giudicare come si ferma questo, come si ferma un aggressore ingiusto. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, è stata l’idea delle Nazioni Unite: là si deve discutere, dire: “E’ un aggressore ingiusto? Sembra di sì. Come lo fermiamo?”. Ma soltanto quello. Niente di più. Secondo, le minoranze. Grazie della parola. Perché a me parlano “Ma, i cristiani, poveri cristiani”, ed è vero, soffrono. I martiri … eh sì, ci sono tanti martiri. Ma qui ci sono uomini e donne, minoranze religiose, non tutte cristiane, e tutti sono uguali davanti a Dio, no? Fermare l’aggressore ingiusto è un diritto che l’umanità ha ma c’è anche un diritto che ha l’aggressore, di essere fermato perché non faccia del male. Questo."
 
Queste sono le parole di Papa Francesco che, aldilà delle ricostruzioni giornalistiche, sottolinea la grande debolezza della diplomazia internazionale. Infatti L' ONU, la più grande intuizione del dopoguerra, non ha nessun peso nella politica internazionale come dimostrano le prese di posizione di Barack Obama sulla questione irachena.
 
Speriamo sia un settembre migliore. Per gli aretini, settembre è il mese della bellezza, della città in mostra. I colori di Piazza Grande durante i pomeriggi delle prove del Saracino sono talmente vividi che sembra davvero di vivere un altra epoca. Con una immagine, questa bambina di Saronno stregata dall'orologio del Palazzo di Fraternita. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=858809147470360&set=a.175922062425742.42967.100000238477178&type=1&theater
 
In attesa (speriamo ancora per poco) di poter godere a pieno della Fortezza e del Teatro Petrarca che meritano non solo di essere finalmente aperti al pubblico ma di godere di una programmazione degna degli investimenti che la comunità ha sostenuto.
 
News of the Week
 
Per carità, un passo avanti. Ma se lo avesse fatto un peones a caso del parlamento cubano e non Mariela Castro, figlia di Raul Presidente, sarebbe passata solo con frasi di circostanza e qualche imbarazzo?
 
News of the Week/2
Il prossimo 31 agosto compirò 30 anni. E mi tocca leggere che già sono da buttare.
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0