Prima Pagina | Eventi e spettacoli | Arezzo Wave - la prima serata

Arezzo Wave - la prima serata

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Arezzo Wave - la prima serata

E' tornato a casa Arezzo Wave dopo l'anno sabbatico ad Albergo, e lo ha fatto nel migliore dei modi.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Compiendo un balzo a ritroso di qualche mese faccio veramente fatica a comprendere le innumerevoli polemiche dai toni esasperati che hanno accompagnato la scelta della location del campo da Rugby di via dell'Acropoli: questa infatti, alla prova dei fatti,  non ha proprio nulla da invidiare a Villa Severi ed è certamente la scelta più azzeccata possibile per il ritorno la manifestazione in città.
Non si tratta di un "ripiego" quindi ma di una prima scelta, quella anche logisticamente più sensata.
Rispetto all'ultima, e dispersiva, edizione svolta allo stadio infatti l'atmosfera 2014 è proprio quella del "village" compatto e pieno di calore, cosa che a mio avviso ha restituito una dimensione congrua e genuina per le circa 4000/5000 presenze a serata che Arezzo Wave  è in grado di generare dai tempi del suo comeback pugliese.
Da un punto di vista artistico la qualità dei gruppi proposti in questa prima serata è stata di buon livello.
Oltre infatti ai decani Avion Travel che ormai sono vero e proprio classico della musica italiana ci sono state almeno due belle sorprese rappresentate dai valdostani L'Orage e soprattutto dalla siciliana Levante autrice del tormentone dell'estate scorsa "Alfonso".
La ragazza è una sorta di Carmen Consoli degli anni 10 e  ha veramente tantissima grinta e classe da vendere.
Menzione speciale per i Kabìla che hanno dato vita a uno dei concerti più coinvolgenti e coreografici stasera grazie al loro potente mix oriente-occidente condito  da un "plotone di odalische" che hanno letteralmente infiammato il pubblico presente e l'incantevole esibizione del pianista Luciano Gavini + Sosta Palmizi.
Unica nota stonata della serata gli sgangherati e atroci spagnoli Seward che sono riusciti a far scappare a gambe levate la stragrande maggioranza del pubblico (incluso il sottoscritto) che si è rifugiato nella molto apprezzabile sezione gastronomica-mercatino-gonfiabili utilissima in questi casi strazianti
In sostanza quindi si tratta di un buon esordio della manifestazione e va sottolineato come la macchina organizzativa allestita da Mauro Valenti abbia funzionato veramente alla perfezione garantendo a tutti una serata di grande divertimento.
Buon Arezzo Wave a tutti.
 
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00