Prima Pagina | Lettere alla redazione | Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi

Lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Lettera aperta al  Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi

Scarperia, 4 luglio 2014

 

Caro Presidente,

chi Le scrive è il Presidente dell’Associazione Vittime del Forteto, composta da uomini e donne che non perseguono fini politici o ideologici e che, entrati giovanissimi in quella comunità, hanno in comune una dolorosa esperienza di vita.

Le ragioni per cui abbiamo deciso di prendere l’iniziativa di scriverLe questa lettera sono conseguenti alla decisione assunta dal Ministero dello Sviluppo Economico di non procedere al commissariamento. Una notizia che abbiamo appreso con profondo rammarico, poiché eravamo fiduciosi che finalmente si voltasse pagina e venisse dato un segnale di monito in grado di scrivere definitivamente la parola fine a un orrore che si è perpetuato per oltre un terzo di secolo. Confidavamo in un segnale di attenzione positivo da parte del Governo da Lei guidato, ma invece, purtroppo il segnale giunto è di segno opposto.

E dire che le conclusioni a cui erano giunti gli ispettori ministeriali  erano chiare  ed inequivocabili, conseguenti a dati di fatto non “condonabili” e/o sanabili. “IMPRESCINDIBILE”: così gli ispettori definiscono nella loro relazione il legame tra la Comunità e Cooperativa. Perché così è nei fatti: la cooperativa, l’associazione e la Fondazione facevano capo alle stesse persone, e l’una era in funzione dell’altra. Una valutazione che purtroppo non è stata tenuta in dovuta considerazione, nonostante la neutralità degli organi che l’hanno espressa al termine dell’ispezione.

Immagino che Lei sappia che è in corso a Firenze un processo penale che riguarda 23 soci (tra cui tutti i “leader”) di questa  cooperativa. Processo nel quale la cooperativa comparirà come responsabile civile, mentre come parti civili sono state ammesse Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Borgo San Lorenzo e di Vicchio. E’ bene inoltre precisare che per le violenze subite da molte vittime e componenti dell’associazione è sopraggiunta la prescrizione. Un’ingiustizia che va ad aggiungersi ad un’altra, precedente e altrettanto grave: essere stati affidati alla Comunità de Il Forteto dal Tribunale dei Minori.

Due dei principali esponenti de Il Forteto sono nuovamente sul banco degli imputati: il “leader carismatico” Rodolfo Fiesoli e l’“ideologo” Luigi Goffredi. Dico nuovamente perché entrambi hanno alle spalle una condanna definitiva per reati specifici. Vi è anche stata una sentenza  a livello sovranazionale: la  Corte dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo ha condannato lo Stato Italiano per non aver vigilato su quanto avveniva al Forteto.  

Venendo alle ragioni per cui auspicavamo il commissariamento della Cooperativa, ritengo utile far presente che il Presidente della Cooperativa si è  dimesso, sostituito dal vicepresidente che, seppur non sotto processo, non rappresenta affatto una discontinuità con la precedente gestione, ma anzi ne è sempre stato l’amministratore principale. Inoltre nel corso delle recenti udienze processuali è emerso anche per ammissione degli stessi imputati, che nonostante svolgessero un lavoro continuativo i soci non risultavano occupati, sì da poter permettere alla Cooperativa di percepire gli assegni di disoccupazione. Vorrei  infine ricordarLe  un aspetto emerso nella relazione finale della commissione d’inchiesta regionale:  l’immunità del  Forteto  è conseguenza di una grande  capacità di tessere rapporti, coltivare amicizie con il mondo Politico ed  Istituzionale. Una relazione, peraltro approvata all’unanimità dal Consiglio regionale, che mi permetto di inviarLe (qui il testo integrale) qualora volesse, compatibilmente ai suoi impegni, documentarsi approfonditamente su questa drammatica vicenda.

In quella stessa relazione, a pag. 54, si dà conto di un dibattito tenutosi nell’aula del Consiglio regionale il 28 ottobre 1980, dove il consigliere Rinaldo Innaco,cognato di uno degli attuali imputati, ebbe ad affermare, già allora e precedentemente alle prime sentenze di condanna dei vertici de Il Forteto: «Non ci troviamo di fronte a una Cooperativa agricola, ma purtroppo a una macchina guidata da due o tre cosiddetti capi che sta macinando le intelligenze, uniformando le volontà, strumentalizzando persone umane che ha ridotto a un coacerbo collettivo, a una massa mobile manovrata, che si entusiasma o si autoproclama colpevole a seconde delle direttive da seguire o da conseguire». Quante sofferenze a decine di sfortunati ed indifesi minori si sarebbero risparmiate se quelle parole fossero state ascoltate con senso di responsabilità delle Istituzioni!

Proprio dagli esiti del lavoro della Commissione d’Inchiesta il Governo, nell’estate scorsa, decise di inviare gli ispettori ministeriali. Ispettori che, come detto, suggerirono la necessità di commissariare la Cooperativa. Ma la loro decisione è stata oggi disattesa, dopo essere rimasta, antecedentemente al suo insediamento, per molti mesi  in stand-by . Adesso ci vengono serie e legittime perplessità circa questo esito. Ci sono coincidenze che ci portano a pensare che la rete di protezione di cui hanno scritto i consiglieri regionali  non sia stata recisa.

Riteniamo che i responsabili di abusi e maltrattamenti temano di più il commissariamento delle probabili condanne, poiché solo il commissariamento li potrebbe privare dello strumento più potente che hanno per continuare a fare ciò che hanno sempre fatto per oltre trenta anni. Non vorremmo che tra 10 o 15 anni ci trovassimo a celebrare l’ennesimo processo.

Lei, intervistato da “Le Iene”, ebbe a dire: “La mia amministrazione, con ‘Il Forteto’  ha avuto a che fare meno che zero”. Ce lo dimostri concretamente.

In questi giorni apprendiamo che vuole cambiare L’Italia ed anche L’Europa.

Cominci a cambiare partendo da una provincia a Lei cara: si faccia carico di approfondire la vicenda e ponga finalmente fine senza tentennamenti  a questa tragedia umana che ha già avuto ripercussioni europee e sta diventando una vergogna nazionale.

Da Lei, come persona oltre che uomo delle Istituzioni, ci attendiamo un iniziativa di stampo lapiriano che tolga questa cappa di piombo che opprime tanta parte della società civile.

Sempre disponibili ad un  eventuale incontro,

Le porgiamo Cordiali Saluti

 

Per l’associazione Vittime del Forteto

Il Presidente  

Sergio Pietracito

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00