Prima Pagina | Eventi e spettacoli | I SOGGIORNI ESTIVI ARRICCHISCONO LE INIZIATIVE NELLE AREE PROTETTE DELLA PROVINCIA

I SOGGIORNI ESTIVI ARRICCHISCONO LE INIZIATIVE NELLE AREE PROTETTE DELLA PROVINCIA

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
I SOGGIORNI ESTIVI ARRICCHISCONO LE INIZIATIVE NELLE AREE PROTETTE DELLA PROVINCIA

Il prossimo appuntamento è in Valtiberina dal 12 al 19 luglio per ragazzi fra gli 11 e i 14 anni

 

 

Dopo l’importante appuntamento di fine maggio con Festa Parchi, proseguono le iniziative nelle aree protette gestite dalla Provincia di Arezzo. Numerose sono le attività in programma fino a novembre 2014, grazie anche al rapporto tra l’ente e gli operatori delle aree protette. Visite guidate a piedi, con gli asini o in barca, bird-watching, concerti, attività dedicate a bambini, anziani e disabili, tante occasioni per vivere un'esperienza nella natura e conoscere le riserve naturali della provincia di Arezzo. Attraverso itinerari adatti a tutta la famiglia.

Con una strizzata d’occhio ai bambini che desiderano giocare nella natura, le iniziative intendono far riscoprire il valore della biodiversità, del rapporto uomo-natura e dei buoni prodotti della terra. Ma non finisce qui. In programma anche i soggiorni estivi per consentire alle famiglie di usufruire di attività ludiche ed educative per i propri figli ad un costo molto agevolato, grazie al finanziamento della Regione Toscana. In particolare, le Guide della società cooperativa Extravaganti propongono due soggiorni di una settimana ciascuno nella Riserva naturale Alpe della Luna (Comune di Sansepolcro). Il secondo appuntamento sarà dal 12 al 19 luglio. Protagonisti gli adolescenti tra gli 11 ed i 14 anni, coinvolti in attività di avvicinamento agli animali, in particolare gli asini, in laboratori manuali, in passeggiate alla ricerca delle tracce, in gestione del campo con lavoretti utili al gruppo, per esempio tenere pulita la camera e aiutare in cucina. Obbiettivo del soggiorno è di favorire il rapporto tra ragazzi e animali, oltre che di favorire la socializzazione tra i partecipanti tramite attività di cooperazione.

Se la prima settimana è stata un’avventura tra spazzole, striglie e fieno per capire meglio il carattere e le abitudini degli asinelli, la seconda verrà invece dedicata all’imparare a “fare” con gli elementi che ci regala la natura: costruire capanne, accendere il fuoco, realizzare un forno solare o un essiccatore, costruire utensili, riconoscere frutti ed erbe, ossia diventare autosufficienti fuori casa. Entrambe le iniziative prevedono il soggiorno presso il Rifugio La Spinella.

In Valdarno, invece, le guide di Alcedo Ambiente arricchiscono il programma dei Campi solari organizzati dai Comuni con una giornata nella Riserva Naturale Valle dell'Inferno e Bandella (Terranuova B.ni), attraverso escursioni, giochi natura ed esperienze naturalistiche a tema presso l’area didattica attrezzata di Castiglioncello. Il tutto sempre organizzato con la Provincia di Arezzo ed il contributo della Regione Toscana. Dettagli iniziative, prenotazioni e calendario completo sul portale “Arezzo Natura Protetta”.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0