Prima Pagina | Eventi e spettacoli | FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CONTACT IMPROVISATION NEL CUORE DELLA TOSCANA

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CONTACT IMPROVISATION NEL CUORE DELLA TOSCANA

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CONTACT IMPROVISATION  NEL CUORE DELLA TOSCANA

Seconda edizione 6-12 giugno 2014, Arezzo

 

 

 

 

  

Unico nel suo genere nello scenario culturale del nostro Paese, l'Italy Contact Fest di Arezzo è già riconosciuto come un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di Contact in Italia e nel mondo pur essendo soltanto al secondo anno di vita.

Organizzato da Leilani Weis, Leonardo Lambruschini e Mario Ghezzi con il supporto logistico fondamentale dello Spazio Seme di Arezzo, il Festival si svolge nella suggestiva cornice di Villa Godiola, la splendida struttura cinquecentesca situata sulla collina di San Fabiano, a pochissima distanza dall’Acquedotto Romano restaurato da Giorgio Vasari nel Cinquecento. 


Oltre al rinnovo del patrocinio del Comune di Arezzo appoggiato dall'Ass. Francesco Romizi, quest'anno il festival ottiene anche un contributo e la rinnovata collaborazione con l'azienda di trasporti pubblici Tiemme. Grazie a quest'ultima i partecipanti al festival avranno a disposizione una card gratuita per usufruire degli autobus di linea che collegano i dintorni di Villa Godiola con il centro storico, dove dovranno recarsi per seguire alcune lezioni nella Sala Danza di Via Pio Borri.

 La Contact Improvisation è annoverata tra le più importanti forme di danza contemporaneaSi basa essenzialmente su due principi, collegati ed interdipendenti tra di loro: il contatto fisico con l’altro e la capacità di percezione sensoriale  

 

 
   

Al team organizzativo si è affiancato nell’edizione 2013 uno staff di insegnanti provenienti da tutto il mondo e anche quest'anno si prevede la presenza di 12 danzatori che condurrano i laboratori intensivi: Benno Voorham (NL/SE), Mirva  Makinen (FI), Rick Nodine (UK), Aaron Brandes (USA), Paolo Cingolani (IT/ES), Georgia Petrali (GR), Heike Pourian (DE), Hugo Leonardo Silva (BR), Irene Sposetti (IT/SE), Johan Nilsson (SE), Matan Levkowich (AT/IL) e Simonetta Alessandri (IT/UK).

Dal 12 al 15 giugno un parte dei partecipanti al festival si sposteranno nelle sale di Spazio Seme per proseguire con l'After Italycontactfest.

Al termine del laboratorio verrà presentata una performance al pubblico.

 

Per maggiori info:

-       www.italycontactfest.com

-       https://www.facebook.com/Italycontactfest

-       http://www.flickr.com/photos/italycontactfest/

-       http://www.youtube.com/channel/UCbNFbWZ17xDzyBOjnS3jCqQ

 


 
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0