Prima Pagina | Lettere alla redazione | Uomini e caldane.

Uomini e caldane.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Uomini e caldane.

Letterina a Babbo Natale

La differenza di percezione delle temperature fra i due sessi condiziona il rapporto di coppia sin dalle sue origini.

Non appena sistemati, la compagna seduta dietro di noi in motocicletta ci ricorda che è troppo freddo. In vacanza, le nostre giornate sono scandite dall'esposizione ai raggi del sole, mai abbastanza prolungate per il giudizio delle nostre compagne. Una volta accasati, di notte fa troppo freddo e ci troviamo costretti a combattere con strati plurimi di coperte posizionate.

Anche l'acqua della doccia è troppo fredda, pure se siamo sottoposti alla tortura della bollitura.

Poi, d'improvviso, il compromesso che avevamo raggiunto dopo anni di convivenza viene spazzato via, sconquassato da tempeste ormonali che si trasformano in erinni climatiche nei nostri confronti.

Infatti, la menopausa non è soltanto caratterizzata da cambiamenti umorali di difficile comprensione a causa della ridotta sensibilità maschile, sia mia che di numerosi altri amici che mi raccontano le loro cose: è accompagnata dalle temibili caldane, uno dei più sublimi tormenti che si possano conoscere.

Durante la notte, il letto matrimoniale è teatro di una battaglia con coperte che vanno e che vengono, rovesciate a creare un effetto termico simile alla tempera dei metalli:

servat qui non occidit, ma l'umore è già stato messo a dura prova in prima mattina.

Ma questo è nulla rispetto ad uno dei momenti più drammatici della storia umana: aggirarsi per casa  per arrivare in bagno, domandandosi quando saremo falciati da una corrente artica impetuosa ed indomabile.

Stamani il jet stream mi è arrivato sin sotto le coperte, mentre la casa era spazzata dal riscontro.

Anche la micia fatica a trovare rifugio in quei momenti.

Posso immaginare che una scarica ormonale è grande disagio, più difficile comprendere perché alcune si dimentichino completamente della nostra esistenza, esponendoci a simili scompensi termici.

Da qui la letterina a BabboNatale, per un fioretto sotto l'albero.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0