Prima Pagina | Lo Sport | Ancora problemi per gli allievi A dell’Arezzo che dominano il derby con l’Aquila Montevarchi ma perdono nel finale.

Ancora problemi per gli allievi A dell’Arezzo che dominano il derby con l’Aquila Montevarchi ma perdono nel finale.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Ancora problemi per  gli allievi A dell’Arezzo che dominano il derby con l’Aquila Montevarchi ma perdono nel finale.

Positiva prova degli allievi B che ottengono un buon pari in casa dell’Olmoponte, secondo in classifica. Dominio assoluto dei giovanissimi A nel derby con la Tuscar e dei giovanissimi B che vincono a Sangiovanni V.no. Ecco in sintesi quanto è accaduto in questo fine settimana:

ALLIEVI A REGIONALI

AREZZO: Fosca, Brunetti, Chiarenza, Guizzunti, Giusti, Testi, Gerardini, Cacioppini, Nocentini, Franchi, Rossi

A disposizione: Garbinesi, Minocci, Zammuto, Squarcia, Martini, Romagnoli

All. Alessandro Violetti

MERCATALE V.NO – Altra battuta a vuoto per gli allievi A regionali dell’Arezzo che perdono il derby con l’Aquila Montevarchi per 1 a 0 al termine di una partita che gli amaranto hanno dominando costruendo  numerose azioni da rete facilissime da realizzare ma non concretizzate al meglio. Un motivo costante che sta accompagnando il cammino dei ragazzi di Violetti dall’inizio della stagione ma che non trova soluzioni adeguate proprio per la mancanza di lucidità degli attaccanti amaranto nel concludere le azioni sviluppate nell’arco della partita. Come se non bastasse, anche in questa occasione la sconfitta è maturata nel finale di gara grazie ad un cross di un attaccante aquilotto che ha mandato il pallone, grazie ad una traiettoria imprevedibile, al secondo palo della porta difesa da Fosca che era rimasto praticamente inoperoso per tutto l’arco dell’incontro. Un ko che ha lasciato di stucco tutta la squadra ed il tecnico decisamente amareggiato per questo epilogo che ha ancora una volta penalizzato oltre misura i suoi ragazzi. Indubbiamente in questo contesto pesano le assenze di elementi come Romagnoli (in panchina ma inutilizzabile) e Solimeno che costringono l’allenatore a scelte obbligate senza possibilità di ricambio nel reparto avanzato ma è altrettanto vero che si continuano a collezionare errori a livello industriale che sicuramente devono portare a compiere delle scelte e delle riflessioni da parte della dirigenza e del settore tecnico. E’ evidente che la squadra risulta oltremodo penalizzata dalla mancanza di un finalizzatore e proprio per questo motivo bisogna trovare una soluzione che possa in qualche modo risolvere il problema evitando così ancora una volta di sentirsi ripetere da parte degli avversari il ritornello “siete la squadra migliore che abbiamo visto e meritereste una classifica migliore”.

ALLIEVI B

OLMOPONTE: Nicchi, Rossi, Parati, Brocchi, Ostili, Baldoni, Bianchi, Giacinti, Porcellotti, Natami, Lupatelli.

A disposizione: Colombi, Savino, Raschi, Mangani.

Allenatore: Magnanensi        

AREZZO: Mancini, Sacchetti, Santini(65' Detti), Martini, Santamaria, Bardi, Rosadini, Caselli, Sereni(73' Resti), Rufini, Scarano(62' Sanchez)

Allenatore: Alessandro Bacci

Arbitro: Parati

Marcatori: 25' Caselli, 64' Natami

 

AREZZO – Dopo la goleada interna subita nel turno precedente ad opera della capolista Bibbiena, l’Arezzo si è prontamente riscattato in casa dell’Olmoponte, seconda in classifica. I ragazzi di Alessandro Bacci hanno giocato con grande determinazione e hanno fornito una prestazione decisamente di qualità che gli ha consentito di giocare alla pari con i blasonati avversari. Alla fine ne è scaturito un pareggio per 1 a 1 con qualche rimpianto da parte dell’Arezzo che proprio nel finale di gara ha avuto anche due occasioni per passare in vantaggio fallendole in maniera clamorosa. Il pareggio è comunque sostanzialmente giusto anche perché i padroni di casa sono stati in inferiorità numerica per metà della ripresa. Una partita che ha comunque evidenziato il reale valore della compagine diretta da Alessandro Bacci che nel corso del campionato ha lasciato punti agli avversari anche per le numerose defezioni nell’organico a causa di infortuni capitati a diversi componenti della rosa. Se da ora in poi la situazione da questo punto di vista migliorerà, forti anche di un calendario che nei prossimi cinque turni sembra essere favorevole, gli amaranto potranno risalire posizioni di classifica e puntare ad un quarto posto che sembra alla portata. Ma veniamo alla cronaca. Per primo passa in vantaggio l’Arezzo al 25’grazie a Caselli molto abile nello sfruttare una indecisione difensiva tra Ostili e Nicchi. La rete fornisce poi coraggio ai ragazzi di Bacci che gestiscono il gioco con molta determinazione facendo anche qualche azione di contropiede particolarmente ficcante ma non altrettanto efficace in fase conclusiva. L’Olmoponte non sta a guardare e cerca di pressare gli avversari senza però riuscire ad impegnare severamente Mancini che fa solo un lavoro di ordinaria amministrazione salvo una bella uscita di piede intorno al 35’ su uno scatenato Natami, vera spina nel fianco del reparto arretrato dell’Arezzo. Le squadre finiscono così il primo tempo con gli ospiti in vantaggio per 1 a 0. Nella ripresa, l’Olmoponte cerca il serrate per pareggiare ma così facendo apre anche un po’ i varchi per i contropiedi dei ragazzi di Bacci che però non trovano la giusta lucidità per concludere le azioni al meglio. Al 60’ avviene l’episodio che crea anche qualche protesta negli spalti tra le opposte fazioni senza però andare oltre le righe. Santamaria compie un intervento abbastanza deciso ai danni di Giacinti che si rialza e comincia a reagire nei confronti dell’avversario e così l’arbitro ne decreta l’espulsione che avrebbe forse meritato anche l’autore del fallo. Questa situazione di gioco invece che abbattere i padroni di casa li fortifica al punto che appena quattro minuti dopo al 64’raggiungono il pareggio. Da una punizione sulla trequarti di Ostili, la difesa  non riesce a respingere e Natami è il più rapido nel risolvere la mischia a proprio favore mandando il pallone alle spalle di Mancini.

GIOVANISSIMI A

AREZZO :  Viroli, Panozzi, Municchi, Lambardi, Pazzaglia, Perugini, Fabbriciani, Bianchini, Celli, Laurenzi, Grottola.

 A disposizione:  Bulgarelli, Bruni, Rosi, Peruzzi, Capogna, Sanchez, Francini

 All. David Obligis

 TUSCAR:  Cecchi, Coradeschi, Neri, Ginestroni, Casini, Acciai, Gjoka, Gori, Carresi, Vitiello, Rusu.

A disposizione:  Dirindelli, Bonini, Cartocci.

 All. Claudio Rigacci

 

AREZZO -  Derby aretino quello che vede di fronte l'Arezzo alla Tuscar, due squadre che hanno obiettivi diversi ma entrambe alla caccia dei tre punti. La squadra di David Obligis risolve il derby con una goleada imponendosi per 8 a 3 e dimostrando cos’ di meritare a pieno titolo il comando della graduatoria. Per quanto riguarda gli iguana, dopo un primo tempo un po’ sottotono, nella ripresa riescono a reagire trovando anche tre reti e qualche trama di gioco interessante che lascia ben sperare in prospettiva. Il divario tecnico comunque è evidente ed i padroni di casa si impongono nettamente evidenziando un ottimo assetto tecnico tattico ed anche una condizione psicofisica ottimale in vista del difficile impegno di domenica prossima alla “spiaggina” con la Castiglionese.  Tornando alla sfida con la Tuscar, la partita si disputa nel sintetico del villaggio amaranto, a causa dei lavori in corso nel centrale per l'installazione dell'illuminazione. Le reti per la squadra di Obligis sono state segnate al 2’ da Perugini, al 9’ ed al 18’ da Celli, al 33’ da Grottola, al 42’ da Fabbriciani, al 47’ da Bianchini, al 57’ da Celli ed al 64’ Sanchez.  Altra prova convincente quindi per l'Arezzo che prosegue la propria marcia in vetta alla classifica e che domenica andrà a far visita alla forte Castiglionese , in un campo da sempre ostico per i colori amaranto e che sarà sicuramente un difficile banco di prova. Per la Tuscar grande impegno, premiato dai 3 gol realizzati alla capolista nella ripresa dopo un primo tempo sostanzialmente sotto tono.  Ottimo l'arbitraggio.

GIOVANISSIMI B

SANGIOVANNIVALDARNO  : Betti, Ciucani, Spataffi, Grazzini, Ciolli, Ghiori, Fabbrucci,  Salviati, Caldini, Milli,  Nocentini

A disposizione: Cuccoli, Artini, Basco, Piccioli, Segoni, Minga, Itana

All. David malandrini

AREZZO :  Baldesi, Stopponi, Andreucci, Amatucci, Caneschi, Vicidomini, Sensitivi,  Fata, Mura,  Canola, Bonini M.

A disposizione:  Bonini L. , Malentacca, Villani, Carloni, Duri , Gerardini

All. Tommaso Nardin

SANGIOVANNI V.NO-  Buona prestazione dei giovanissimi B dell’Arezzo che riescono a vincere il derby con la Sangio di rincorsa per 4 a 2 dopo che i valdarnesi si erano portati in vantaggio per 2 a 0. Una prestazione , quella degli amaranto, che evidenziato il grande carattere della squadra capace di reagire dopo aver subito due reti che avrebbero potuto essere fatali ai fini del risultato. Da tenere comunque in considerazione alcuni errori specialmente in fase di interdizione alquanto clamorosi e sui quali bisognerà fare riflessione per evitare che le partite nascano in salita. Per mister Tommaso Nardin comunque una bella soddisfazione perché la sua squadra sta crescendo partita dopo partita dimostrando di avere buone qualità in tutti i suoi componenti e di meritare pienamente la posizione di classifica occupata. Partita divertente condizionata però da un  arbitraggio non all’ altezza che ha rischiato di far innervosire la partita giocata comunque bene da entrambe le compagini. “Mi ha fatto particolarmente piacere – puntualizza il tecnico Tommaso Nardin – vedere la capacità di reazione dei miei ragazzi che dopo aver subito due reti hanno subito reagito dimostrando di avere quel carattere che sta alla base delle formazioni che vogliono primeggiare. Mi è piaciuto l’atteggiamento, la voglia di lottare e la tenacia con la quale hanno cercato  di ottenere il risultato anche se ininfluente ai fini della classifica. Sono state ancora compiute alcune ingenuità specialmente in fase difensiva sulle quali dovremo lavorare durante gli allenamenti settimanali ma nella sostanza da questa sfida con la Sangio usciamo rafforzati e consapevoli di poter dire la nostra in un campionato dove c’è molto equilibrio e proprio per questo può riservarci soddisfazioni sempre che riusciamo a mantenere grinta e lucidità”.

 

 

            

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0