Prima Pagina | Lettere alla redazione | Racconto di Natale

Racconto di Natale

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Racconto di Natale

Il Natale del 2013 fu fantastico, nessuno si aspettava niente, così quei pochi doni celavano un pensiero, uno slancio sincero. I nonni si presentavano nelle case dei nipoti con cose che servivano veramente e i bambini ottenevano qualcosa che avevano desiderato a lungo.



I genitori disoccupati avevan tanto tempo per gli addobbi, elaborati e frutto del fai da te: c'erano poche luminarie e anche i lampioni erano accesi uno si e uno no.
Le persone incrociandosi per le strade si intrattenevano volentieri e a lungo, tanto le merci nelle vetrine lì sarebbero rimaste.
I parroci grazie al "New Deal" nella Chiesa facevano omelie sentite e invitavano all'ospitalità, le messe erano scandite dal chiasso dei gruppi scout e la gente non si addormentava più assistendovici.
I centri commerciali erano deserti e poche macchine circolavano.
Nei ristoranti venivano serviti pasti semplici e frugali, la gente non straviziava neanche nelle case, dove alle tradizionali maratone mangiatorie con tombola incorporata, si sostituivano degustazioni di formaggi d'alpeggio e corsi di Tai Chi.
Un'ordinanza del Sindaco aveva imposto la deportazione degli zampognari, una limitazione all'uso di campane e campanelli e il divieto alla vendita di abeti; il rosso era consentito nei decori ma con parsimonia, le renne permesse solo arrosto e chi veniva sorpreso con un costume da babbo natale condannato ai servizi sociali con Berlusconi.
Un decreto ministeriale autorizzava i ladri a compiere effrazioni nelle case con pupazzi vestiti di rosso e con barba bianca, appesi ai cornicioni o alle terrazze.
Assicuratori e bancari giravano per le case a ritirare agende e calendari e in cambio offrivano lavoretti di manutenzione domestica; gruppi di giovani mamme offrivano lasagne e arrosti misti a meccanici e carrozzieri che volentieri si disfacevano dei loro calendari sconci. I camionisti sostituivano le modelle appese ignude alle loro cabine col sistema periodico degli elementi.
Il bambin Gesù denunciava  la mistificazione del racconto della sua nascita: nato in clinica con parto in acqua, ma nessuno ci rimaneva male; i presepi venivano prontamente convertiti per appassionanti tornei di Warhammer.
A Piazza S.Pietro invece della solita messa, il giorno della vigilia  e quello di Natale venne organizzata la più grande maratona rock gratuita di tutti i tempi, all'insegna dell'amore libero e con gli incensieri caricati a marijuana della riserva personale del Papa.
Successero un paio di cose singolari quel Natale del 2013:  Kim Jong-un aprì le frontiere con la Corea del Sud, ma i suoi concittadini non ne approfittarono subito; prima un grande banchetto di festa con tutti i membri del Partito Comunista come pietanze.
Gli ex-tedeschi dell'est in Germania invece, decisero di separarsi di nuovo dai cugini dell'ovest: dopo vent'anni ne avevano abbastanza dell'economia di mercato.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0