Prima Pagina | Territori | Il cittadino alle porte

Il cittadino alle porte

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il cittadino alle porte

La lista “ cittadini uniti per il bene comune” con queste brevi righe,vuol far conoscere alla popolazione il suo stato di disagio nell’affrontare il lavoro in consiglio comunale:è infatti dal consiglio del 9 di agosto che non viene messo all’o.d.g.  il punto “ interrogazioni,interpellanze,mozioni”  pur se sollecitato da parte delle opposizioni.

Le interrogazioni e le interpellanze sono vitali per la vita pubblica di un Comune,sono la finestra che il cittadino può usare per parlare con l’amministrazione attraverso i propri rappresentanti in consiglio comunale e nello stesso tempo deve essere uno strumento per l’amministrazione stessa di “sorveglianza” del territorio e delle istanze dei cittadini.Un’amministrazione che si dice democratica ed è stata eletta democraticamente deve rispondere ai quesiti che la popolazione pone che trattano  sempre di  importanti aspetti della vita di comunità per i quali ancora il cittadino non ha trovato risposta o che sono semplicemente sfuggiti al sindaco o agli assessori.E’con le interrogazioni e le interpellanze che la vita democratica della comunità si sviluppa e che si crea un dialogo tra le Istituzioni ed il cittadino.

 Normalmente,quando abbiamo portato in consiglio comunale le istanze della popolazione non soltanto il cittadino ha ottenuto risposta ma si sono messe in luce anche carenze di ogni tipo nella comune vita giornaliera del nostro paese e a quelle si è potuto porre rimedio.

Noi,solo per fare un esempio,avremmo voluto far conoscere e discutere in consiglio di temi quali

l’istituzione dei parcometri nelle nostre vie,il resoconto della  gestione della piscina comunale,della quale non abbiamo a tutt’oggi nessuna comunicazione,capire se il servizio di polizia municipale,oggi ancora del tutto carente, possa essere ampliato,se è possibile aumentare  con l’ausilio delle forze dell’ordine il controllo del territorio,vista l’ondata di furti negli appartamenti degli ultimi tempi,vorremmo sapere quando finalmente gli uffici comunali potranno avere orari adeguati alle esigenze dei cittadini,vorremmo sapere se il comune è a conoscenza di incresciosi fatti che stanno avvenendo nel nostro cimitero di via m.del rivaio…Questi importanti temi sono solo,ripetiamo,un esempio delle problematiche che si possono affrontare con lo strumento delle interrogazioni .

Questo ci viene sistematicamente impedito ed è per questo che  noi pubblicamente domandiamo all’amministrazione comunale perché voglia tappare la bocca ai cittadini,come mai tiene in così poco conto il dialogo democratico e perché continui ad arroccarsi nel “fortino” di palazzo s.Michele invece di aprirsi e di confrontarsi con la popolazione.

Non dimentichiamo che  i fatti che ci hanno visti protagonisti nel nostro “sfortunato” Comune, sono figli di un pensiero che colloca gli amministratori un gradino più su dei cittadini. Ciò è sbagliato e come si vede, ha portato dei risultati disastrosi. Dobbiamo rilevare purtroppo che la nuova amministrazione continua a perseguire la stessa politica di distacco dalla popolazione che la nostra lista condanna in maniera netta e decisa.

Con i nuovi accadimenti sappiamo che questa amministrazione ha vita breve e quindi  auspichiamo per il futuro di  Castiglion Fiorentino che si apra un’era davvero democratica  dove il cittadino abbia la possibilità di dialogare con l’amministrazione e dove qualunque consigliere comunale da qualunque schieramento provenga, possa svolgere  dignitosamente il ruolo a lui assegnato.

Nel frattempo condanniamo decisamente il comportamento del Sindaco che impedisce il naturale svolgimento della vita democratica nel nostro Comune.

Paolo Filippi e Lara Lazzeroni consiglieri comunali

In rappresentanza della lista “cittadini uniti per il bene comune”

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0