Prima Pagina | Cronaca | Renzi sbanca in quasi tutta la Toscana tra i tesserati: boccone amarissimo per D’Alema & C.

Renzi sbanca in quasi tutta la Toscana tra i tesserati: boccone amarissimo per D’Alema & C.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
La cartolina inviata da Cavriglia dal consigliere regionale Enzo Brogi La cartolina inviata da Cavriglia dal consigliere regionale Enzo Brogi

 

Renzi ha vinto staccando di molte lunghezze Gianni Cuperlo. Non sono ancora giunti i dati ufficiali della provincia di Arezzo che vede Renzi raggiungere il 57% e Cuperlo poco più del 31%. A Cortona, secondo centro della provincia, il 53,3% dei tesserati ha votato per la proposta politica del sindaco di Firenze, la mozione Cuperlo si è fermata al 30,9% dei voti. L’altra mozione di stampo innovatore, quella di Giuseppe Civati, ha raggiunto il 14,6%.

La piccola Stalingrado, la rossa Cavriglia, ha saputo dare un segnale forte di partecipazione e di voglia di rinnovamento con un’alta partecipazione degli iscritti al voto e massiccio è stato il sostegno al progetto di Matteo Renzi: oltre 190 i votanti ed una percentuale per Renzi del 78,6%.

La piccola Russia, così sovente viene ricordata questa terra per gli alti risultati che ha sempre dato ai partiti della sinistra, ma anche la terra che per prima si aprì al fertile dialogo con quella parte di cittadini, prevalentemente del modo cattolico, che guardavano con ansia alla nascita di un vero Partito democratico, nel Circolo di Cavriglia, proprio quello che sarà intitolato ad Enrico Berlinguer, ha offerto a Renzi il 90% dei consensi.

Punte record in Casentino, la terra del cuperliano Vincenzo Ceccarelli: a Bibbiena il dato dei renziani supera abbondantemente il 90% ed in alcuni circoli raggiunge quasi il 100%.

Se mai ci fosse stato bisogno di ricordarlo: sta suonando la campana dell'ultimo giro! 

La stragrande maggioranza degli iscritti del PD, in Arezzo e in Toscana, ha dunque fatto una scelta in controtendenza con la precedente gestione nazionale del Partito, scegliendo il rinnovamento.

Ma la sorpresa arriva da Firenze, la città del sindaco, dove per tutto il giorno si continuava a ventilare una sua possibile debacle, con un risultato sorprendente: Renzi 55%, Cuperlo al 37%, Civati 7%

Il percorso del Congresso 2013 raggiunge adesso due snodi fondamentali: la convenzione provinciale (data ancora da definire) e le Primarie nazionali di domenica 8 dicembre. Alla Convenzione provinciale di Arezzo si stabiliranno i candidati della provincia che faranno parte dell’Assemblea Nazionale del Partito. Alle Primarie libere tutto l’elettorato sarà invitato a dire la sua sulle candidature di Cuperlo, Renzi e Civati.

Caustica la risposta di Renzi ai continui punzecchiamenti del rottamando Max: "D'Alema dice che se vinciamo noi, distruggiamo la sinistra. Trascura il fatto che la sinistra l'hanno già distrutta loro e a noi tocca ricostruirla."

 


  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Image gallery

Vota questo articolo

0