Prima Pagina | Cronaca | In ricordo di Franco Paturzo

In ricordo di Franco Paturzo

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
In ricordo di Franco Paturzo

 

 

Su iniziativa dell'amministrazione comunale si svolge venerdì 15 novembre alle 18 al Teatro Pietro Aretino una cerimonia di commemorazione di Franco Paturzo recentemente scomparso: verrà proiettato un filmato con immagini montate da Piero Comanducci.

L'assessore alla cultura del Comune di Arezzo Pasquale Macrì introdurrà la serata: “sia chiaro che non è una commemorazione privata, quindi spero vi partecipino non solo gli amici. Con Franco Paturzo siamo dinanzi a una figura che con la cultura ha unito aspetto personale e aspetto sociale. È utile ricordare questo principio: che la vita nella cultura è utile a noi stessi e agli altri. Un uomo mite e poliedrico, capace di spaziare dalla musica alla storia del territorio. Ricordo le sue trasmissioni alla scoperta della città, con riflessioni fruibilissime, e che aveva aderito con entusiasmo al nostro progetto di aprire i luoghi dell'arte aretina, gli scrigni, che ospitavano le opere di Icastica. Paturzo si era, come dire, ‘adattato’ al ruolo e via via che descriveva San Francesco o Casa Vasari stava prendendo dimestichezza con l’arte contemporanea”.

Claudio Santori ha ricordato Paturzo “docente dell'Università dell'età libera, dove teneva un corso molto frequentato su argomenti nodali della storia di Arezzo e si riprometteva di farne uno quest'anno sugli sviluppi urbanistici del secolo scorso, e presidente della Brigata degli amici dei monumenti. Era poi organista e direttore d'orchestra, si è esibito al Petrarca con il 'Barbiere di Siviglia' con risultati di grande professionalità”.

Piero Comanducci: “ho avuto la fortuna di riprendere alcuni suoi concerti che teneva a prescindere dal pubblico partecipante. Perché era una persona che si prestava con modestia. Paturzo batteva, danzava, sui pedali dell'organo come un pilota di rally con freno e acceleratore. Sembra un paragone incredibile o azzardato e invece non lo è”.

 

Gianni Brunacci: “30 fra libri e saggi sulla storia locale sono un curriculum di grande rispetto, 3 hanno visto la mia collaborazione: il volume sulla cittadella di Arezzo, quello sul duomo di Arezzo e quello sulle pievi. Ultimamente, e questo non è risaputo, aveva scritto romanzi pubblicati da case editrici spagnole che hanno venduto molto in quel mercato”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0