Prima Pagina | Economia e lavoro | Sciopero generale il 13 novembre per cambiare la legge di stabilità

Sciopero generale il 13 novembre per cambiare la legge di stabilità

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Sciopero generale il 13 novembre per cambiare la legge di stabilità

Il 13 novembre presidio in piazza San Jacopo

 

L’obiettivo è cambiare la legge di stabilità. Come? “dagli sprechi e dalle rendite più risorse ai lavoratori e ai pensionati”. Cgil Cisl e Uil hanno proclamato, per la mattina di mercoledì 13 novembre, uno sciopero generale di 4 ore la cui articolazione è decisa dalle federazioni di categoria e delle Rsu.

I sindacati confederali chiedono, in primo luogo, meno tasse per lavoratori e pensionati. Propongono quindi di aumentare le detrazioni sia per i lavoratori dipendenti che per i pensionati; di rafforzare e rendere strutturale la detassazione del salario di produttività ed estenderla ai lavoratori del settore pubblico; di correggere gli elementi di iniquità della nuova tassazione immobiliare (trise).

Il secondo elemento della piattaforma sindacale è la rivalutazione delle pensioni. Quindi rivedere e correggere gli elementi di iniquità e rigidità introdotti dalle norme Fornero sul sistema previdenziale; ripristinare i meccanismi di indicizzazione delle pensioni esistenti prima del 2011 evitando l’erosione progressiva che i trattamenti pensionistici hanno subito in questi anni.

Secondo Cgil, Cisl e Uil è poi fondamentale il tema della pubblica amministrazione e quindi dell’efficienza della spesa pubblica. Propongono di  dare certezza alla stabilizzazione dei precari; di liberare la contrattazione di secondo livelli per distribuire gli incrementi di qualità e produttività. E giudicano inaccettabili l’eliminazione dell’indennità di vacanza contrattuale per il 2013 e 2014 nonché il taglio lineare operato sugli straordinari. E infine penalizzante per i dipendenti del settore pubblico l’ennesima rateizzazione dell’indennità di fine rapporto.

 

Infine le proposte su come reperire le risorse:  obbligatorietà dei costi standard per le amministrazioni, riduzione del numero delle società pubbliche e degli enti, riduzione del numero dei componenti degli organi a tutti i livelli di governo, armonizzazione della tassazione delle rendite finanziarie alla media europea, lotta all’evasione e all’elusione fiscale, taglio significativo della spesa pubblica improduttiva e dei costi della politica.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0