Prima Pagina | Economia e lavoro | Coldiretti alla Fiera internazionale: a piazza S. Iacopo si mangia aretino

Coldiretti alla Fiera internazionale: a piazza S. Iacopo si mangia aretino

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Coldiretti alla Fiera internazionale: a piazza S. Iacopo si mangia aretino

Ampia presenza degli agricoltori di Campagna Amica al centro della grande Kermesse enogastronomica. Marotta: “I nostri prodotti e la nostra qualità a pieno titolo insieme alle eccellenze mondiali”

 
Anche quest’anno, come è successo per l’edizione del 2012, è molto rilevante il ruolo della Coldiretti nel Mercato internazionale, visto che piazza S. Iacopo è interamente dedicata alla vendita diretta dei prodotti di Campagna Amica, con angolo del biologico e presenza di fondamentali produzioni locali, tra cui miele, frutta e verdura, castagne, fiori e piante, farine, cereali e legumi, formaggi, salumi e specialità di carne, con i macellai aretini che invece occupano piazza Risorgimento.
Perché i produttori agricoli locali, con i banchi del mercato a filiera corta di Campagna Amica,  in campo al Mercato Internazionale? “Perché – spiega il direttore di Coldiretti Arezzo, Giampiero Marotta – i nostri prodotti, la nostra qualità gastronomica, il nostro sapere trovano posto perfettamente insieme al meglio delle eccellenze mondiali: in questo weekend ci sarà una piacevole, amichevole e guduriosa competizione gastronomica per soddisfare le migliaia e migliaia di palati esigenti che si affacceranno in piazza e assaggeranno le varie specialità e tipicità nazionali ed internazionali”.
L’obiettivo di Coldiretti è quello di “far incontrare al grande pubblico, che gremirà la manifestazione, la storia di tante aziende agricole, di uomini e di esperienze di questo territorio che hanno contribuito nel tempo a far crescere un sistema produttivo locale fino a raggiungere una posizione affermata e stabile, nella qualità, ormai anche nel panorama internazionale”.

 

Quindi il mercato internazionale “è dedicato  - conclude Marotta - a chi ha voglia ‘semplicemente’ di fare esperienze gastronomiche di varia natura e provenienza, in semplicità, con le famiglie che magari potranno fare un giro, degustando tipicità straniere, ma anche e del nostro prezioso territorio, vista la grande presenza di produttori agroalimentari e artigiani aretini”.
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0