Prima Pagina | Politica società diritti | Palazzo e Tanti: «Dare fiducia al Polo Universitario Serve rafforzare il legame tra formazione e lavoro»

Palazzo e Tanti: «Dare fiducia al Polo Universitario Serve rafforzare il legame tra formazione e lavoro»

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Palazzo e Tanti: «Dare fiducia al Polo Universitario Serve rafforzare il legame tra formazione e lavoro»

 

«Pur rimanendo fortemente critici nei confronti del sistema delle partecipate riteniamo che sia necessario che la Provincia dia fiducia al Polo Universitario aretino puntandoci in termini strategici per far fruttare le spinte positive e i quasi 2 milioni di euro che la Provincia stessa ha investito in questi anni: ora è davvero possibile perché il territorio e le categorie economiche sono pronte e dal Polo universitario c’è tutta la disponibilità per un rilancio».

E’ un appello vero e proprio quello che fanno Simon Pietro Palazzo, Presidente della Commissione Controllo della Provincia di Arezzo (UDC) e Lucia Tanti Vicepresidente della stessa Commissione  (PDL),  condiviso dai consiglieri provinciali Claudia Amatucci (PDL) e Francesco Lucacci (FLI). Un appello che parte da alcuni punti fermi spesso evidenziati dal Vicepresidente del Consiglio provinciale Pier Luigi Rossi (PDL). Il primo: la Provincia finché c’è deve pensare al futuro e quindi deve programmare e progettare. Il secondo: il tessuto economico aretino oggi dimostra una grande vitalità e un grande interesse alla formazione professionale. Il terzo: potenziare il raccordo tra mondo del lavoro, mondo della scuola e mondo universitario è l’unica vera risposta per far fronte alla crisi. Il quarto: ad Arezzo esiste un polo scolastico ad indirizzo economico e molti Istituti legati alle vocazioni produttive della nostra Provincia che hanno dimostrato di volersi rafforzare per rappresentare un’offerta formativa forte e sinergica con il mondo produttivo. «Per queste ragioni la “fuga” dal Polo Universitario che la Giunta Vasai ha decretato alcuni mesi fa va rivista alla luce delle nuove opportunità e di una nuova alleanza di tutto il territorio. Da sempre riteniamo prioritario - aggiungono Palazzo e Tanti- dismettere le partecipate ma non possiamo pensare di considerare non strategica la relazione tra la Provincia - che si occupa di edilizia scolastica, formazione professionale e lavoro – ed un Polo universitario che dopo mille difficoltà oggi disegna una prospettiva nuova grazie anche al vitalismo del mondo del lavoro. Si chiede quindi alla Giunta di fare marcia indietro sapendo che le risorse sono poche ma che in alcuni momenti gli investimenti più veri sono quelli di strategia e di visione sinergica. Come Commissione che vigila sulle partecipate chiederemo, in collaborazione con altre Commissioni, un momento di approfondimento con il Polo Universitario, la Camera di Commercio, l’Associazione Nazionale Presidi e le forze sindacali proprio per valutare le nuove prospettive che si stanno determinando. Siamo certi che la Giunta saprà comprendere l’importanza di rilanciare e di farsi protagonista di una nuova fase», concludono Palazzo e Tanti.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0